rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Attualità

“Lupus in Bufala”: un manuale per difendersi dalle fake news sul lupo 

Tra i curatori anche gli specialisti di comunicazione del Muse (Museo delle Scienze) di Trento e delle Aree Protette di Alpi Marittime e Alpi Cozie

Protagonista di notizie quasi nel quotidiano, il lupo è spesso vittima di fake news. Per cercare di rendergli giustizia LIFE WolfAlps EU, progetto europeo nato nel 2019 con lo scopo principale di migliorare la coesistenza fra il lupo e le persone che vivono e lavorano sulle Alpi, e  Facta.news, portale di debunking che si occupa di bufale e notizie false, hanno realizzato “Lupus in Bufala. Manuale pratico per un’informazione corretta”. Un testo che risponde alle principali domande e ai dubbi più diffusi su questo animale che popola i territori europei e che è spesso vittima di disinformazione.

Lupo, tra mito e false credenze-2

La guida, disponibile in lingua italiana e inglese, si articola in sei capitoli  che spiegano chi è il lupo che vive sulle Alpi, fornendo esempi di reali casi di disinformazione che hanno riguardato l’animale negli ultimi anni e indicando gli strumenti e i metodi più adatti per contribuire in prima persona alla condivisione di notizie verificate e corrette. 

“La coesistenza con il lupo - spiega Laura Scillitani, Communication Manager LIFE WolfAlps EU - Muse - è una sfida, un obiettivo ambizioso e fondamentale, innovativo nella storia del nostro millenario rapporto con la specie. Il lupo è una specie carismatica, carica di significati simbolici e in grado di scatenare sentimenti contrastanti e a volte estremi. Il rapporto di amore-odio spesso travalica i confini gestionali veri e propri e porta i diversi attori a schierarsi su fronti polarizzati. Tutto questo rende il lupo un argomento appetibile per le fake news. Il lupo attira l'attenzione, non lascia indifferenti, attira i click e i commenti in rete. La disinformazione però non porta a nulla di buono: né se l'animale è demonizzato, né se la narrazione viene edulcorata. Tra la bestia demoniaca e il peluche sta l'animale reale, il lupo, che è quello con cui poi effettivamente dobbiamo provare a coesistere. E conoscerli è una buona base per farlo”.  

Da qui la necessità di realizzare una pratica guida, disponibile per il download a questo  link, per contrastare la disinformazione sul lupo. “Il manuale - prosegue Scillitani - ci  dà utili dritte per individuare le notizie false e sviluppare un approccio critico. Sono tante e diverse le fake news che circolano sul lupo: si va dalla decontestualizzazione delle notizie (video - o foto - girati in una location e attribuiti ad un’altra), alle false segnalazioni di attacchi o aggressioni, cani scambiati per lupi... Ma attenzione anche le narrazioni che santificano il lupo sono da evitare, gli articoli che parlano bene di lupi che si lasciano avvicinare a cui viene offerto cibo veicolano messaggi molto sbagliati”.   

Glossario-2

LIFE WolfAlps EU (LWA EU) è un progetto europeo finanziato nell’ambito del programma LIFE Natura e Biodiversità  che mette in campo un partenariato internazionale di venti diversi enti ed è beneficiario del supporto di sei cofinanziatori. Il progetto è iniziato nel settembre 2019 e si concluderà a settembre 2024, con lo scopo di migliorare la coesistenza fra il lupo e le persone che vivono e lavorano sulle Alpi, costruendo e realizzando soluzioni che garantiscano la sopravvivenza a lungo termine dell’animale in quest’area.  

Facta.news è  un progetto di debunking nato ad aprile 2020. Da marzo 2021 è una testata registrata, impegnata quotidianamente nella lotta alla disinformazione. Facta.news è supporter del progetto LWA EU ed è membro dell’International Fact-Checking Network  (Ifcn). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Lupus in Bufala”: un manuale per difendersi dalle fake news sul lupo 

TrentoToday è in caricamento