"La fede non va più bene, colpa del lockdown": lite in gioielleria, arrivano i poliziotti

Un'accesa lite in una gioielleria del centro ha attirato l'attenzione di una Volante, ecco cos'è successo

Volevano restituire le fedi nuziali perchè, con i matrimoni bloccti durante il lockdown, ormai non erano più della misura giusta. Questo il bizzarro "movente" che ha scatenato un'accesa lite in una gioielleria del centro, attirando l'attenzione di una volante della Polizia di passaggio. Trattandosi di una gioielleria i poliziotti si sono chiaramente fermati a vedere cosa stesse succedendo. Non una rapina, fortunatamente, ma un acceso diverbio tra la commessa del negozio e la cliente che, come prova del fatto che ormai la fede non calzasse più, l'ha infilata al dito per poi tentare d sfilarsela, senza riuscirci. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

Torna su
TrentoToday è in caricamento