menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il ministro Luciana Lamorgese

Il ministro Luciana Lamorgese

Coronavirus, Lamorgese vittima dell'errore e del "complotto"

Scopre che il test ha dato un esito errato, il ministro presenta un esposto per sapere come mai su internet era già stata diffusa la notizia dell'esito. Nel mirino l'ospedale e i giornali

Il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese non è mai stata positiva al coronavirus, ma, come riporta Today, il test del tampone molecolare e il suo risultato sono finiti al centro di un esposto in procura. Che mette nel mirino chi ha diffuso la notizia. 

L'errore del tampone e il "complotto" di Lamorgese positiva al coronavirus

La vicenda è iniziata lunedì 7 dicembre quando, durante il consiglio dei ministri che discute del recovery plan, il quotidiano Il Tempo scrive sul suo sito internet, citando non meglio precisate fonti del Viminale, che il ministro Lamorgese sarebbe risultata positiva a un test del tampone di routine effettuato in mattinata. Lei, totalmente asintomatica, a quanto pare apprende da internet della sua positività prima di scoprire che c'è un messaggio del suo medico nel telefonino. Abbandona il consiglio e scatena anche un fuggi-fuggi da Palazzo Chigi mentre Luigi Di Maio e Alfonso Bonafede, che erano seduti vicino a lei, vanno in auto-isolamento. 

Il colpo di scena è arrivato venerdì 11 dicembre. La positività del test molecolare eseguito il lunedì precedente «è da attribuirsi a un errore nella processazione del campione», ammette il direttore generale dell’ospedale Sant’Andrea che lo ha processato. La responsabile del Viminale ha ripetuto il test molecolare nelle giornate di mercoledì 9 e di giovedì 10 ed entrambi sono risultati negativi. «La ministra presenterà denuncia contro ignoti per la fuga di notizie: il risultato del test, poi risultato errato, è stato riportato in tempo reale da alcuni siti online», fa sapere il Viminale. E qui inizia la storia: «Mi sembrava molto strano che il risultato del test fosse arrivato appena dopo tre ore, perché evidenziava un’alta carica virale. Un esito davvero incompatibile con il mio stato di salute totalmente asintomatico. Per questo ho voluto ripeterlo e andare fino in fondo» ha affermato Lamorgese, sabato 12 dicembre, sul Corriere della Sera

Sospetti

Il sospetto è che il reperto sia stato contaminato. Ma secondo gli scienziati si tratta di casi rarissimi, anche se quel test non è sicuro al 100%. In ogni caso la positività al test del tampone per il coronavirus è un dato sensibile che riguarda la salute del cittadino: «Voglio sapere — dice Lamorgese al Corriere — come è possibile che qualcuno l’abbia saputo prima di me e soprattutto perché abbia deciso di pubblicarlo ancor prima di verificare che la notizia fosse vera». Lamorgese chiederà ai magistrati di verificare anche come sia stato possibile conoscere l'esito del test e diffondere l'informazione che avrebbero dovuto sapere soltanto al Sant'Andrea. L'ombra di un complotto si staglierebbe sul Viminale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Attualità

Due nuovi vaccini anti-Covid in arrivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento