Lago di Braies invaso dai "turisti del selfie": pochissimi passano la notte in valle

Boom di presenze per il lago "ad un passo dal cielo" ma i pernottamenti non crescono altrettanto, presentato un progetto per promuovere un turismo più stabile

Un luogo paradisiaco che rischia di diventare solamente lo sfondo per un selfie e nulla più. Complici Instagram e la serie tv "Ad un passo dal cielo" con il grande Terence Hill nei panni di un forestale altoatesino il lago di Braies è diventato in pochi anni una meta "cult", tanto da indurre la Provincia di Bolzano a chiudere la strada alle auto e fornire un servizio di navetta, per chi non vuole farsi la camminata a piedi.

Un milione e mezzo i turisti che hanno visitato la valle l'anno scorso. Peccato, però, che i pernottamenti siano stati solamente 140.000. Insomma: al lago di Braies si va, magari dalla vicina Cortina o da altre località dell'Alto Adige, solo per trascorrere qualche ora e scattare le immancabili foto che spopolano sui social network.

Una situazione alla quale tre imprenditori pusteresi vogliono porre rimedio presentando alla Provincia un progetto per una riqualificazione dell'intera area. L'obiettivo è rendere il lago, ed il rio di Braies, una meta stabile per i turisti, che potranno soggiornare nei paesi vicini e tornare al lago per più giorni consecutivi. Il progetto prevede, tra le altre cose, un'area ricreativa sulle rive del torrente ed un centro visite dove accogliere i turisti, fornire informazioni, e magari proporre alloggi e ristoranti della valle.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un modo per "selezionare" tra i turisti quelli che veramente vogliono passare un periodo di relax in zona, senza fretta e naturalmente spendendo il budget delle vacanze sul territorio. Un'impresa ardua, visto che è proprio la presenza della massa a far scappare questa seconda categoria di visitatori. La soluzione, dunque, non potrà che passare da una limitazione degli accessi, magari a pagamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • Bollettino coronavirus in Trentino: altri 3 morti, la Provincia annuncia nuovi provvedimenti

  • Bollettino coronavirus: un altro decesso in Trentino, +104 casi positivi e 122 classi in quarantena

  • Fugatti: "Ristoranti aperti fino alle 22 ed i bar fino alle 20"

  • Tenna, incidente mortale in tarda serata: la vittima è Luca Maurina

  • Aperture, l'Alto Adige fa marcia indietro: "Tutto chiuso alle 18". Il Trentino rimane solo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento