Attualità

Cinque piccoli laghi trentini da non perdere

Cinque "gemme", meno conosciute ma assolutamente sorprendenti, per vivere l'estate trentina tra natura e relax

Il primo tuffo al lago di Lagolo, 4 maggio

Trentino terra di montagne, ma anche di spiagge. La conferma arriva puntualmente, ogni anno, con l'assegnazione delle famose Bandiere blu che certificano i migliori lidi italiani. Anche quest'anno il Trentino si è piazzato al primo posto tra le regioni italiane che non hanno sbocco sul mare. Merito dei 297 laghi presenti sul territorio della provincia di Trento: dal più grande lago d'Italia, il Garda, la cui riva settentrionale è interamente trentina, fino ai minuscoli laghetti alpini che costellano le montagne, come quelli del Colbricon o di Nambino solo per citare i più famosi. Senza dimenticare i grandi laghi balneabili, dotati di spiagge, attracchi per natanti e passeggiate lungolago: Levico e Caldonazzo in Valsugana, Ledro e Cavedine nell'Alto Garda, Molveno sull'Altopiano della Paganella, Serraia e Piazze sull'Altopiano di Pinè. 

Ci sono, però, anche laghi meno conosciuti, "fratelli minori" dei grandi laghi trentini. Meno affollati, forse un po' più freddi, sicuramente sorprendenti. Ne abbiamo selezionati cinque per voi, tutti da scoprire.

1 - Lago di Lases

Sulla sponda sinistra dell'Avisio, in Val di Cembra, questo minuscolo lago, raggiungibile da Trento in pochi minuti, è uno tra i più amati da chi cerca un po' di tregua dal caldo estivo ed allo stesso tempo un'oasi di pace e tranquillità. Una vera e propria gemma smeraldo incastonata tra le rocce di porfido che caratterizzano la zona, con rive erbose dove distendersi e... riscaldarsi al sole: si tratta, infatti, di uno dei laghi balneabili più freddi. L'effetto tonificante è garantito.

2 - Laghi di Lamar

Caratterizzati da rive boscose e, in qualche tratto, selvagge, questi due laghetti sono un altro "must" dell'estate trentina. Anche in questo caso non siamo distanti dalla città, sebbene la natura rigogliosa del luogo induca a credere il contrario. Sulla riva di uno dei due laghi c'è anche una piccola trattoria. Da un grande faggio pende una "liana" grazie alla quale i più temerari potranno tuffarsi direttamente nelle fresche acque del lago.

3 - Lago di Lagolo

Nonostante l'altitudine (siamo quasi a 1000 metri) questo piccolo specchio d'acqua sul versante occidentale del Monte Bondone garantisce una temperatura dell'acqua relativamente calda, grazie all'assenza di corsi d'acqua immissari. E' dotato di un pontile con una zona d'acqua bassa per i più piccoli e di un'isola galleggiante. L'ampio prato pianeggiante è il luogo ideale per il relax estivo.

4 - Lago di Tenno

Spettacolare specchio d'acqua, unico nel suo genere: la composizione delle rocce circostanti dà alle sue acque una colorazione azzurra decisamente particolare. Inoltre è l'unico lago trentino con un'isola: un piccolo dosso, con tanto di alberi e vegetazione, che a seconda del livello delle acque può staccarsi dalla riva. Soprannominato "i caraibi del Trentino", e non serve aggiungere altro.

5 - Lago di Lavarone

Sicuramente il più grande e più attrezzato tra i cinque laghi "minori" che vi abbiamo proposto, il lago di Lavarone è un'autentica scoperta. L'atmosfera è decisamente "da spiaggia", con tanto di pedalò ed ombrelloni, ma ci troviamo nel cuore degli Altipiani Cimbri a 1.079 metri di quota. Recentemente è stato confermato tra le Bandiere blu trentine per la qualità delle spiagge e delle acque. Assolutamente sorprendente.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinque piccoli laghi trentini da non perdere

TrentoToday è in caricamento