Attualità

Irifor, da lunedì screening gratuito alla vista per i volontari dell'Associazione nazionale alpini

L'unità mobile sarà a Malè, Cles, Fiera di Primiero e Storo

La Cooperativa AbC IRIFOR del Trentino da sempre aderisce alle varie iniziative di informazione e prevenzione che vengono promosse da IAPB Italia Onlus, la sezione italiana dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità, per sottolineare l’importanza del senso della vista e della sua prevenzione.

Da qualche anno, ogni estate, aderisce al progetto “La prevenzione non va in vacanza” promosso da IAPB Italia e UICI nazionale e per questo 2021 lo fa coinvolgendo quattro Gruppi Alpini del territorio trentino.

L’unità mobile oftalmica, l’ormai famoso camper rosso della cooperativa adibito ad ambulatorio oculistico itinerante, sarà impegnata tra fine agosto e inizio settembre per quattro giornate in quattro diverse località del Trentino per offrire screening gratuiti ai volontari dei Gruppi Alpini di Malè (30/08), Cles (31/08), Fiera di Primiero (01/09) e Storo (04/09).

La scelta dei destinatari diretti della campagna è data dalla ormai pluriennale collaborazione con la Sezione ANA di Trento, che conta circa 23.000 associati, e con la quale AbC IRIFOR negli anni si è spesso interfacciata per coinvolgere i volontari dei vari gruppi e delle varie zone del territorio provinciale in attività di vario tipo a favore di ciechi, ipovedenti e sordi e per sensibilizzare la popolazione.

La proposta è stata accolta con favore dalla Sezione di Trento dell’ANA e il suo Presidente Paolo Frizzi racconta come “questa nuova collaborazione con AbC Irifor sia una preziosa opportunità per i nostri soci prima ancora che un dovere chiamato prevenzione. La tempestiva diagnosi di qualsiasi malattia è infatti anche un indiscusso vantaggio comune in termini di riduzione dei costi per la collettività, le famiglie, le organizzazioni sanitarie, prima ancora che per il singolo. La possibilità di ‘fare squadra’ con AbC Irifor è dunque per gli Alpini trentini una prova concreta che il condividere esperienze e fare rete è un beneficio per tutti ma anche un dovere per ciascuno di noi”.

“La Cooperativa ha deciso di coinvolgere alcuni gruppi territoriali” spiega il direttore Ceccato “anche a titolo di riconoscimento per l’impegno e la disponibilità dimostrati da sempre sia nei confronti dei disabili sensoriali sia nei confronti della società in generale, considerando i preziosi contributi che i Gruppi Alpini Trentini hanno donato nelle più disparate situazioni emergenziali insieme alla Protezione civile – non da ultimo l’emergenza Covid 19 – e nelle iniziative di solidarietà e attenzione attivate nel tempo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Irifor, da lunedì screening gratuito alla vista per i volontari dell'Associazione nazionale alpini

TrentoToday è in caricamento