Scuola, Fugatti: "Agli insegnanti potremo chiedere di fare più ore"

Il presidente lo ha detto in Prima commissione per l'assestamento

Repertorio

 "Le risorse necessarie vanno dai 40 ai 50 milioni e qualora non ci siano gli insegnanti sufficienti (non sarà facile trovarli tutti) si dovrà chiedere ai prof di fare più ore per coprire le classi". Queste le parole del presidente della Provincia autonoma di Trento in Prima  Commissione legislativa del consiglio provinciale di Trento dove si discute dell'assestamento di bilancio.

Stabilito il calendario scolastico 2020-2021

Il governatore ha poi parlato della riapertura delle scuole, in programma il 14 settembre: "Non sarà un passaggio facile anche se ci aiuterà l'esperienza con la riapertura dei nidi. Il Trentino ha voluto anticipare i tempi anche per fare una sperimentazione. Una scelta quindi che torna utile anche dal punto di vista organizzativo".

"La scuola - riferisce una nota del Consiglio provinciale - dovrà riaprire in sicurezza". E la Provincia vorrebbe riuscire a garantire i servizi di un anno ordinario. Per realizzare questo piano, ha sottolineato Fugatti, "servono nuove assunzioni di insegnanti in base ai criteri che se arriveranno da Roma bene, altrimenti, li faremo noi e inizieremo a organizzarci".

L'assunzione degli insegnanti in Trentino, ha detto in Prima Commissione il dirigente generale della Provincia autonoma di Trento, Paolo Nicoletti  "sarà a tempo determinato a testimonianza che si tratta di una spesa non ricorrente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

Torna su
TrentoToday è in caricamento