Inquinamento

Smog in città, Trento una delle più inquinate per biossido di azoto

È quanto emerge dall'ultimo rapporto Legambiente che ha preso in esame la qualità dell'aria in 102 capoluoghi di provincia

Il 2021 è stato un anno nero per la qualità dell'aria nelle città italiane. Su 102 capoluoghi di provincia analizzati da Mal'Aria di città, l'ultimo rapporto dell'associazione ambientalista Legambiente pubblicato oggi, nessuno è riuscito a rispettare i valori limite suggeriti dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per i tre principali inquinanti atmosferici.

In particolare, sono 17 le città che sforano di più del doppio i valori previsti dall'Oms per le Pm10 (la componente solida e liquida dell’inquinamento atmosferico con diametro inferiore a 10 micron), 11 quelle più inquinate da Pm2,5 (la componente ancora più fine del particolato) e 13 le città con i livelli più alti di NO2 (il biossido d'azoto). Tra queste ultime compare anche la città di Trento.

I valori nel capoluogo trentino

Nel capoluogo trentino, nel 2021 si è registrato un livello medio annuale di 34 microgrammi per metro cubo (μg/mc) di biossido di azoto a fronte di un valore massimo raccomandato dall'Oms pari a 10 μg/mc: uno sforamento di oltre tre volte il limite previsto. Ciò significa, spiega Legambiente, che la provincia trentina dovrà ridurre la propria concentrazione di NOdel 70%.

Non va meglio per quanto riguarda gli altri due inquinanti: la concentrazione media annuale di Pm10 nel 2021 per il capoluogo è pari a 21μg/mc e richiede una riduzione del 29%, mentre i valori per le Pm2,5 (14μg/mc) andrebbero ridotti del 64%.

Città più inquinate biossido d'azoto report Legambiente-3

Cause e soluzioni

“L’Italia - dichiara Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente - deve uscire al più presto dalla logica dell’emergenza e delle scuse che ha caratterizzato gli ultimi decenni fatti di piani, parole, promesse (spesso disattese) e scuse per non prendere decisioni, anche impopolari, per cambiare faccia alle nostre città e abitudini alle persone. L’inquinamento atmosferico deve essere affrontato in maniera trasversale e integrata con azioni efficaci, incisive e durature con misure integrate messe in campo dal governo nazionale, da quelli regionali e comunali. Nell’ambiente urbano i due settori che incidono maggiormente sono la mobilità e il riscaldamento domestico. Un cambio di paradigma è quanto mai necessario a partire proprio da questi due settori”

“Il problema dell’inquinamento atmosferico - aggiunge Andrea Minutolo, responsabile scientifico dell'associazione - non è solo ambientale ma anche, e soprattutto, sanitario". Non solo: nei prossimi mesi l'Italia dovrà rivedere la direttiva europea sulla qualità dell'aria e i propri limiti normativi in funzione dei nuovi limiti Oms. Ciò significa che nei prossimi anni "i limiti suggeriti dall'Oms diventeranno vincolanti anche dal punto di vista legale e il non rispetto degli stessi porterà all’avvio di ulteriori procedure di infrazione per gli Stati membri inadempienti. L’Italia ha al momento attive tre procedure di infrazione per Pm10, Pm2,5 e NO2", conclude Minutolo. 

Di fronte a questo quadro e agli obiettivi di riduzione da raggiungere, l’associazione rilancia le sue proposte in ambito urbano: occorre aumentare il trasporto pubblico elettrico, nuove reti tranviarie, incentivare la mobilità condivisa anche nelle periferie e nei centri minori, realizzare nuove ciclovie e corsie ciclabili, vietare la commercializzazione dei veicoli a combustione interna al 2030. Sul fronte del riscaldamento domestico, per Legambiente serve un piano di riqualificazione energetica dell’edilizia pubblica, con abitazioni a emissioni zero grazie alla capillare diffusione di misure strutturali come il bonus 110%. Infine, sarà necessario abbandonare le caldaie a gasolio, carbone e metano a favore di sistemi più efficienti alimentati da fonti rinnovabili come le pompe di calore elettriche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Smog in città, Trento una delle più inquinate per biossido di azoto
TrentoToday è in caricamento