menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo lockdown? Fugatti: "Utilizzare l'indice Rt per imporre restrizioni"

La richiesta del presidente del Trentino al Govenro

Utilizzare l'indice Rt per imporre provvedimenti restrittivi, e mirati, ai singoli territori. Il prsidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti ha dichiarato all'Ansa di aver avanzato tale richiesta al Governo nell'ultima conferenza Stato-Regioni prima della probabile firma di un nuovo Dpcm da parte del premier Giuseppe Conte: le ipotesi vanno dal coprifuoco alle 21 alla chiusura definitiva della ristorazione.

Il Trentino, con un indice di 1,56, rintrerebbe nelle regioni del cosiddetto "scenario 4", ma tra quelle con rischio moderato insieme a Molise, Emilia Romagna ed alla vicina Provincia autonoma di Bolzano, dove già si discute di lockdown. Certo, l'indice dipende anche dal numero dei tamponi e dalle modalità di somministrazione dei test. Su questo Fugatti chiede regole omogenee per tutte le regioni. 

Lo scenario 4 di cui si è parlato negli scorsi giorni, il più grave, si ha appunto quando l’Rt è stabilmente sopra 1,5 ma quando convergono anche un’altra serie di parametri, come il testing, la gravità dei casi, la pressione sui servizi assistenziali. In vista dell'imminente Dpcm lunedì 2 novembre proseguirà il confronto tra Trento e Roma sui "temi caldi", ovvero anziani e scuola, mentre su bar e ristoranti il presidente Fugatti ha già firmato un'ordinanza che fa "marcia indietro" rispetto alla scorsa settimana: entra in vigore la chiusura alle 18, salvo il servizio da asporto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento