Attualità

Aumento dell'indennità ai consiglieri regionali, i sindacati dei medici rispondono: "Brutta pagina di storia politica"

In una nota Anaao Assomed e Federazione Cimo - Fesmed contestano la Regione, che aveva negato il rinnovo del contratto di categoria

Anche i sindacati dei medici protestano contro quello che definiscono un "blitz" in consiglio regionale sull'adeguamento dell'indennità economica dei consiglieri.

"Con un gioco di magia degno del più bravo prestigiatore, si è svolto pochi giorni fa in consiglio regionale il blitz sull'adeguamento dell'indennità economica dei consiglieri regionali. Ebbene, pochi giorni prima la Provincia aveva fatto sapere alle organizzazioni sindacali della dirigenza medica e sanitaria, per tramite dell'Apran, che non ci sono soldi per finanziare il contratto (che data 2005 salvo un risibile adeguamento all'inflazione nel 2016), stante la congiuntura economica, e che anche per vedere riconosciuto l'incremento del 27% sull'indennità di esclusività dovremo attendere la riapertura del contratto". Così in una nota i sindacati Anaao Assomed e Federazione Cimo - Fesmed del Trentino.

"Una brutta pagina di storia politica della Regione che oltre a dimostrare scarsa coerenza, rivela la persistente consuetudine di tenere in scarsa considerazione le ricadute di alcune discutibili scelte politiche" si legge nel testo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumento dell'indennità ai consiglieri regionali, i sindacati dei medici rispondono: "Brutta pagina di storia politica"

TrentoToday è in caricamento