Caso centrali idroelettriche, la Provincia: "I due funzionari hanno agito correttamente"

La nota della Giunta dopo la citazione in giudizio di due funzionari provinciali

Massima fiducia nella Magistratura, ma anche nel buon operato dei due dipendenti provinciali, accusati di aver calcolato al ribasso le rendite catastali di due centrali elettriche in Val di Peio. Un errore, volontario o involontario, che avrebbe fatto risparmiare a Dolomiti Energia 2,9 milioni di euro, conseguentemente persi dal Comune di Peio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La citazione in giudizio è arrivata al termine di lunghe indagini della Guardia di Finanza. "Nel massimo rispetto dell’azione della magistratura inquirente e auspicando che la vicenda possa essere chiarita nelle sedi opportune, la Giunta provinciale esprime la propria solidarietà ai due dipendenti del Servizio catasto coinvolti nell’attività d’indagine" si legge nella nota della Provincia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Barche e canoe non reclamate sul lago: il Comune di Levico mette tutto all'asta

  • Il Giro d'Italia 2020 arriva in Trentino: ecco le tappe

  • Coronavirus in Trentino: nuovo picco di contagi, 79 classi in quarantena e due pazienti in rianimazione

  • Il Comune ha deciso: niente Mercatini di Natale

  • Giro d'Italia a Trento: ecco quando e dove, attenzione alle strade chiuse

  • Fuga da Trento: questa volta la escape room è grande come tutto il centro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento