Lunedì, 18 Ottobre 2021
Attualità

Il cambiamento climatico in una foto: è la Val di Fassa colpita dalla tempesta Vaia

Lo scatto del gruppo del Catinaccio premiato nell'edizione 2021 di 'Scatta il bosco'

C'è anche il Trentino tra le foto premiate da Pefc (Programme for Endorsement of Forest Certification) nel concorso fotografico "Scatta il bosco Pefc 2021". Lo scatto della romana Ludovica Nati che ritrae le foreste del Catinaccio (in Val di Fassa) devastate dalla tempesta Vaia ha ottenuto la menzione speciale per la fotografia che meglio rappresenta il tema del cambiamento climatico.

Nella foto si notano evidentemente gli alberi sradicati e la devastazione portata da Vaia in tutto l'ecosistema montano nell'ottobre del 2018. Il concorso ha l'obiettivo di raccontare, con la potenza evocativa delle immagini, la bellezza del nostro patrimonio forestale e l’importanza degli alberi nella lotta al cambiamento climatico. Centinaia i fotografi - sia professionisti che amatoriali - che hanno pubblicato i propri scatti su Instagram accompagnati dall’hashtag #scattailboscoPEFC21. 

“Gli scatti ricevuti in questi mesi raccontano da una parte un anno difficile che è stato reso più sopportabile proprio dalla bellezza della natura che ci circonda, dall’altra la necessità per le persone di vivere sempre più a contatto con la natura, in grado di offrire occasioni imperdibili per momenti ricreativi e di relax, mai come ora davvero indispensabili e preziosi” spiega Eleonora Mariano, responsabile Ufficio Progetti del Pefc Italia.

“Il concorso, giunto ora alla quinta edizione, è ormai un punto fermo delle nostre campagne di sensibilizzazione - prosegue Mariano - siamo infatti convinti che le immagini siano in grado di raccontare il mondo delle foreste con una forza straordinaria e, specialmente dopo un anno di sacrifici e limitazioni, possano spingerci a godere delle bellezze del nostro territorio con ancora più attenzione e rispetto”.

A vincere il concorso quest’anno è Paola Toniutti, con la sua foto “Incontri emozionanti” con protagonista un capriolo, scattata in un pioppeto a Codroipo, in provincia di Udine. Al secondo posto Simone Spina, per lo scatto “Bosco incantato” realizzato in una faggeta a Lioni, in provincia di Avellino. Il lariceto del Lago Federa a Cortina d’Ampezzo (Bl) è invece protagonista della foto “Autunno al Lago di Federa” di Sonia Fantini si aggiudica la medaglia di bronzo. 

A selezionare i vincitori del concorso è stata una giuria composta  da un fotografo, da un rappresentante della Segreteria del Pefc Italia e da un rappresentante degli sponsor dell’iniziativa; a comporre il voto finale hanno contribuito inoltre, per un quarto del totale, i “mi piace” ottenuti dalle foto su Instagram. 

La segreteria del Pefc Italia ha inoltre selezionato due ulteriori foto:  “Una goccia che stilla” di Daniela Sgueglia, scattata nella Pineta di Linguaglossa, una delle aree naturali più belle della Sicilia, e “Impressioni d’autunno” realizzata da Thomas Danieli a Ornica (Bg), in Lombardia.

I tre vincitori ufficiali e i due fotografi selezionati dalla segreteria di Pefc Italia accedono inoltre alla fase internazionale del concorso fotografico Pefc a cui parteciperanno i vincitori di tutte le 11 nazioni partecipanti. Tra questi verrà scelto il vincitore assoluto a livello internazionale che riceverà un premio in denaro di 2.000 franchi svizzeri. 

Come detto, quest’anno il Pefc Italia ha scelto di affrontare tramite le immagini il tema del cambiamento climatico, assegnando una menzione speciale proprio alla fotografia che meglio rappresenta il tema "Alberi e cambiamento climatico". Ad aggiudicarsi la menzione, la foto di Ludovica Nati in Val di Fassa, che mostra i segni di Vaia ancora evidenti sul gruppo del Catinaccio. La fotografa avrà la possibilità di piantare 10 alberi a Milano a proprio nome, che nel corso della loro vita assorbiranno le emissioni di gas serra generate in media da un cittadino italiano nel corso di un anno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cambiamento climatico in una foto: è la Val di Fassa colpita dalla tempesta Vaia

TrentoToday è in caricamento