Acquisti di alberghi in Primiero: indaga la guardia di finanza di Trento

Due hotel storici sono stati acquistati durante l'emergenza sanitaria

Repertorio

I finanzieri di Trento stanno indagando sull'acquisto di due alberghi in Primiero durante l'emergenza sanitaria. L'ipotesi, dopo la segnalazione da parte di sindacati e organizzazioni imprenditoriali, è quella di riciclaggio.

Gli hotel storici sarebbero stati infatti compranti da uomini d'affari disponibili a pagare milioni di euro in contante e desiderosi di concludere rapidamente l'affare. Le strutture oggetto dell'indagine sono un hotel del fondovalle acquistato da un uomo arabo all'asta e un altro albergo, per anni a gestione familiare, che sarebbe stato comprato da un gruppo di russi.

In entrambi i casi i prezzi di vendita sarebbero stati inferiori al valore reale. Gli acquirenti russi, inoltre, sarebbero legati ad altri connazionali che avrebbero acquisito hotel nell'Alto Garda. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cashback di Stato, i rimborsi entro marzo e il "bug" dell'App Io

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Il Trentino rimane zona gialla, unico territorio in tutto il Nord Italia

  • Impianti sciistici ancora nelle incertezze, Ghezzi: «Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna in zona arancione. E chi viene in Trentino?»

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

Torna su
TrentoToday è in caricamento