menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gregge diviso: ecco perchè. "Attendiamo un progetto realistico per tenere viva la memoria di Agitu"

A fare chiarezza interviene il sindaco di Trento Franco Ianeselli. Ad oggi sono stati raccolti oltre 100mila euro per il rilancio del progetto

Il gregge di Agitu è state diviso perchè la stalla in cui erano ospitate sarebbe presto diventata troppo piccola: circa il 60% delle capre, infatti, sono gravide. Un altro problema è costituito dalle temperature eccezionalmente rigide in questo periodo, che rendono difficile l'approvigionamento d'acqua in Valle dei Mocheni. A fare chiarezza sulla vicenda, dopo il post su Facebook della pastora 19enne Beatrice Zott, al quale il gregge era stato affidato, è il sindaco di Trento Franco Ianeselli, in virtù del fatto che il Comune di Trento è il promotore istituzionale della raccolta fondi lanciata dopo la tragica morte di Agitu.

"I veterinari dell'Azienda sanitaria e la Federazione allevatori hanno consigliato di affidare il gregge a professionisti del settore, attenti al benessere animale e capaci di prendersi cura dei capretti appena nati. È stata chiesta la disponibilità prima agli allevatori della Valle dei Mocheni, poi la ricerca è stata estesa a tutto il Trentino. È così che, d'intesa con la famiglia di Agitu, le capre sono state affidate, per un periodo di sei mesi, ad allevatori della stessa Valle dei Mocheni, di Lavarone, Vallarsa e Brentonico".

"La soluzione temporanea che è stata trovata mira proprio a tutelare gli animali, che potranno essere riuniti in futuro, e a prendere tempo, in attesa che la situazione sia definita e si possa avviare un progetto realistico capace di tener viva la memoria di Agitu e di farsi interprete del suo amore per gli animali e per il territorio", conclude Ianeselli. Un progetto che potrebbe essere finanziato con gli oltre 100mila euro delle donazioni, di cui non è ancora stato toccato nemmeno un euro, assicura il sindaco, poichè la raccolta fondi è ancora aperta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Attualità

Covid, sintesi del nuovo Dpcm

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Il Trentino rimane in zona arancione

  • Cronaca

    Registrati altri 3 decessi e +406 nuovi casi positivi al covid

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento