menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiuso il Trentino: rimane il sito con un solo giornalista

Il sindacato dei giornalisti sul piede di guerra: "L'anno scorso 6 milioni di contributi dall'ente pubblico"

E' scontro tra società editrice e sindacato del giornalisti dopo la chiusura del quotidiano Trentino, storica testata nata 75 anni fa ed uscita in edicola per l'ultima volta la settimana scorsa. Un incontro del comitato di refazione con Michl Ebner, editore tramite la Sie anche di Adige, Alto Adige e Dolomiten, si è concluso con un nulla di fatto.

Il Sindacato dei Giornalisti e Federazione Nazioale della Stampa, presenti con i loro rappresentanti all'incontro, riferiscono della chiusura a qualsiasi riassorbimento dei 18 dipendenti in altre testate del gruppo. Rimane, per ora, attivo il sito giornaletrentino.it, gestito da un solo giornalista. La proprietà avrebbe chiesto anche la restituzione immediata dei pc e degli smartphone aziendali, con l'intenzione di procedere alla cassa integrazione in vista del licenziamento collettivo.

"Le rappresentanze sindacali dei giornalisti - si legge nella nota - hanno ricordato alla delegazione aziendale che quello del gruppo Athesia è un comportamento inaccettabile, anche sotto il profilo etico: soltanto lo scorso anno il quotidiano di lingua tedesca Dolomiten, di proprietà dello stesso Ebner, ha percepito oltre sei milioni di euro di contributi pubblici del fondo per le minoranze linguistiche, accaparrandosi oltre il 60 per cento delle risorse messe a disposizione dal governo centrale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Covid, sintesi del nuovo Dpcm

Attualità

Giovo è in zona rossa, cosa si può fare?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento