rotate-mobile
Attualità Oltrefersina / Viale Verona

Gelate notturne: paura per i meleti ma le foto, come sempre, sono spettacolari

Un paesaggio "cristallizzato", con i fiori di melo protetti da un sottile strato di ghiaccio. Ecco spiegato perché

Gelate notturne: ogni anno l'inizio della primavera è un periodo particolarmente delicato, e quest'anno non è da meno. I frutteti sono in fiore, anche in conseguenza delle temperature particolarmente miti di fine marzo, ma la situazione meteorologica può cambiare da un momento all'altro riportando il termometro sotto allo zero nelle prime ore del mattino. Può sembrare un paradosso ma per proteggere i fiori, dai quali nasceranno i frutti, gli agricoltori aprono l'irrigazione bagnando le piante di melo.

In questo modo il ghiaccio che si forma sopra ai rami isola i fiori dall'aria esterna, mantenendo una temperatura superiore al sorgere del sole, che con il suo calore scioglie il ghiaccio. I frutteti "cristallizzati" costituiscono un paesaggio particolarmente suggestivo. Paesaggio che non è sfuggito all'occhio, ed all'obiettivo, del nostro lettore Maurizio Menta, che ci ha inviato queste foto scattate a Trento sud nel primo mattino di mercoledì 7 aprile. 

Ghiaccio sui fiori dei meli contro le gelate notturne

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gelate notturne: paura per i meleti ma le foto, come sempre, sono spettacolari

TrentoToday è in caricamento