Abbattimento orso del Peller, Gassman: "Siete degli incapaci, vergogna"

L'attore indignato per la decisione di Fugatti di uccidere l'animale

Gassman (foto dal suo profilo Instagram)

"Noi siamo circa 60.000.000, gli orsi in Trentino circa 80, gli abbiamo invaso ogni spazio, depredato, cementificato, disboscato, sversato, bruciato, e ora ne abbattete uno con prole perché sostenete sia pericoloso? Lui pericoloso?! Siete degli incapaci e dovete vergognarvi". Così l'attore Alessandro Gassmann su Twitter in riferimento all'ordinanza firmata dal presidente della Pat, Maurizio Fugatti, con la quale è stato deciso l'abbattimento dell'orso che sul Monte Peller ha aggredito due uomini, padre e figlio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giovedì persino Christian Misseroni, una delle due vittime dell'aggressione, si è dichiarato contrario all'abbattimento dell'animale. Il ragazzo si trovava insieme al padre nei boschi, per recarsi ad un capanno di caccia, quando il plantigrado è sbucato dalla vegetazione e li ha assaliti provocandogli diverse ferite. "Abbatterlo? No. Ero io ad essere nel suo habitat e non viceversa", questo era stato il commento del giovane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • Schianto in moto: muore 46enne, gravissima l'amica

  • Frode fiscale da due milioni nelle importazioni di auto usate: sequestri anche a Trento

  • "Non si affitta a trentini": la protesta in Puglia contro l'abbattimento dell'orsa

  • Il pusher scappa, poliziotto ferma un'auto e si fa "accompagnare" ad acciuffarlo

  • In arrivo temporali, grandinate e raffiche di vento: allerta della protezione civile

Torna su
TrentoToday è in caricamento