Galline e faraone stipate nel furgone, alcune morte: denunciato

Fermato dalla Polizia Locale e denunciato

Galline, faraone, colombe e quaglie stipate nel furgone. Alcuni dei volatili erano già morti, gli altri in pessime condizioni. Questo è quanto si sono trovati di fronte gli agenti della Polizia Locale di Trento quando hanno controllato il mezzo commerciale guidato da un 34enne, di origine sudamericana e residente in provincia di Brescia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'uomo si è giustificato dicendo di aver acquistato regolarmente gli animali ad una fiera, pur non avendo nessun documento che confermasse l'acquisto. Secondo quanto ha spiegato tutto gli uccelli erano destinati a suo "consumo personale", quindi non ad un'attività commerciale. I volatili ancora vivi sono stati sequestrati ed affidati ad un'associazione animalista. L'uomo è stato denunciato per maltrattamenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Porfido, armi, voto di scambio: le mani della 'ndrangheta sulle cave in Trentino

  • Il Comune ha deciso: niente Mercatini di Natale

  • Il Giro d'Italia 2020 arriva in Trentino: ecco le tappe

  • Bollettino coronavirus: altri 111 nuovi casi, oggi tutti con tampone

  • Intimidazioni agli operai e agganci politici: ecco come agiva la 'ndrangheta in Val di Cembra

  • Via Brennero: arrivano i semafori intelligenti che fanno le multe

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento