rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Attualità Predazzo / Paneveggio

La foresta rinasce a suon di musica

Gli Eugenio in via di Gioia nel 2019 avevano letteralmente trasformato una canzone in un’azione: in collaborazione con Federforeste viene lanciata la campagna di crowdfunding per la rigenerazione dell’area boschiva di Paneveggio , distrutta nel 2018 dalla tempesta Vaia

Appuntamento speciale lunedì 14 giugno, in località Paneveggio a Predazzo, per l'iniziativa “La foresta rinasce a suon di musica” dove saranno messi a dimora gli abeti rossi raccolti attraverso la band “Eugenio in via di Gioia” con la piattaforma “Lettera al Prossimo”. Saranno presenti anche i vertici di Coldiretti Trentino Alto-Adige. L’evento d’eccezione è organizzato dalla band in collaborazione con Federforeste, Startup Vaia, Coldiretti, Trentino Marketing, e CNA Piemonte. Il presidente Gianluca Barbacovi, il direttore Enzo Bottos, il responsabile di Campagna Amica Elio Gabardi parteciperanno all’evento in rappresentanza della Coldiretti regionale.

Il progetto

Gli Eugenio in via di Gioia nel 2019 avevano letteralmente trasformato una canzone in un’azione: in collaborazione con Federforeste viene lanciata la campagna di crowdfunding per la rigenerazione dell’area boschiva di Paneveggio , distrutta nel 2018 dalla tempesta Vaia. In soli 10 giorni l’obiettivo economico è stato raggiunto e la band annuncia per la primavera 2020 la messa a dimora degli abeti rossi, riconosciuti per essere legno di risonanza con il quale vengono costruiti i violini Stradivari. Grazie alla collaborazione con Federforeste e Coldiretti è stato stabilito il luogo e il periodo in cui portare a termine questo progetto: il 14 giugno a Paneveggio nascerà la foresta laddove la tempesta Vaia ha distrutto ettari ed ettari di bosco.

Il sostegno della Coldiretti

«Innanzitutto» afferma il presidente Barbacovi «è doveroso ringraziare la band Eugenio in via di Gioia per aver ideato questo importante progetto, dimostrando grande sensibilità ambientale e una particolare attenzione per un tema che è sempre stato caro alla Coldiretti. Un ringraziamento va anche alla Federforeste presieduta da Gabriele Calliari e a tutti gli attori che hanno preso parte all’iniziativa».

Il direttore Enzo Bottos ricorda che «far rinascere una foresta è importante e non fa bene soltanto all’ambiente. Il bosco rappresenta infatti una fonte di reddito in una regione come la nostra e come Coldiretti abbiamo segnalato da subito il grave danno economico subito dalle aziende a causa del disastro Vaia. Un plauso a questa iniziativa che abbiamo sostenuto con convinzione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La foresta rinasce a suon di musica

TrentoToday è in caricamento