Attualità Centro storico / Piazza del Duomo

I cittadini possono finanziare il restauro della Fontana del Nettuno (e scaricare dalle tasse)

Per l'edizione 2020 di Art bonus è stato scelto uno dei monumenti simbolo della città, ecco come partecipare

Cittadini "mecenati" a Trento: sostenere l'arte diventa anche vantaggioso in termini fiscali. E' questa la strategia di Art Bonus, l'iniziativa nazionale attivata anche dal Comune di Trento nel 2014 e giunta alla sesta edizione. Per il 2020 è stato scelto il monumento che forse più di ogni altro simboleggia la città: la fontana del Nettuno in piazza Duomo, attualmente oggetto di restauro fino a fine anno.

Ebbene, parte del restauro può essere finanziata dai cittadini attraverso una donazione, in gergo giuridico "erogazione liberale". Ai benefattori sarà riconosciuta un'agevolazione fiscale al 65%. Tutte le informazioni per aderire alla campagna Art bonus e contribuire alla realizzazione dell'intervento proposto dal Comune sono disponibili sulla pagina dedicata e su www.artbonus.gov.it 

Grazie a questo tipo di finanziamento il Comune ha realizzato il estauro del portale dei Tre Portoni, antico accesso al viale che portava al cinquecentesco Palazzo delel Albere. In questo caso l'intervento è stato interamente finanziato, attraverso Art Bonus, dalla società Autobrennero che ha donato 20mila euro. 

"Il lavoro svolto - scrive il Comune - ha avuto come obiettivo non solo la conservazione del monumento, ma anche la valorizzazione del punto di intersezione tra via Madruzzo e via Santa Croce, tenendo conto della grande importanza storica di quel percorso, resa attuale dalla presenza del sottopasso alla ferrovia che consente di raggiungere da qui il quartiere delle Albere".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I cittadini possono finanziare il restauro della Fontana del Nettuno (e scaricare dalle tasse)

TrentoToday è in caricamento