Lunedì, 18 Ottobre 2021
Attualità Moena

Piloni di cemento sulla ferrata, scatta la polemica. Il Comune di Moena: "Necessario per garantire la sicurezza"

L'intervento sulla Via Bepi Zac bersaglio sui social: "Cosa sta diventando la montagna?"

L'intervento di manutenzione programmato dal Comune di Moena sulla ferrata Bepi Zac, sul gruppo della Costabella, è diventato suo malgrado oggetto di una grande polemica soprattutto sui social.

I fatti: il Comune di Moena ha approvato due delibere (una nel 2019 e una nel 2020) per conferire ad un geologo e ad un ingegnere l'incarico di mettere in sicurezza l'Alta Via Bepi Zac, in quanto la Sat (Società alpinisti tridentini) non la riteneva sicura. Un intervento finanziato con 118mila euro e affidato alla Pek Disgaggi di Predazzo nel dicembre 2020. I lavori sono iniziati il 22 luglio, e dovrebbero terminare a breve.

Al momento, fa sapere la Sat, sulla segnavia E637 "è molto importante prestare attenzione a non oltrepassare la segnaletica che delimita i lavori, per non mettere a repentaglio la propria incolumità".

Per mettere in sicurezza il sentiero, si è scelto di installare dei piloni di cemento: una scelta fatta anche per sostenere le parti di roccia più esposte, ma che ha riaperto il dibattito su quanto sia opportuno per l'uomo "impattare" sull'ambiente in maniera così forte. In tanti, soprattutto sui gruppi social dedicati alla montagna e all'alpinismo, puntano il dito contro l'opera e parlano di deturpazione del paesaggio.

Visto il tam tam che si è scatenato, nel pomeriggio di martedì 31 agosto è arrivata la risposta del Comune di Moena: "Pur comprendendo il rammarico per dover rafforzare le rocce con un manufatto impattante - scrive l'ente sulla sua pagina Facebook -, tutto cìò si è reso necessario sia per la messa in sicurezza di uno dei sentieri attrezzati più frequentati del nostro territorio sia per quella delle persone che transitano sul sentiero sottostante che sale al Passo delle Selle. Interventi analoghi sono stati effettuati in altre parti del Trentino visto il deterioramento dei sentieri anche a causa dei cambiamenti climatici. Ricordiamo con l'occasione che il percorso è attualmente chiuso e vietato a qualsiasi fruitore fino alla conclusione dei lavori".

Anche sotto al posto del Comune però, i toni non si placano: "Finiremo col cementificare la montagna?" si chiedono in molti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piloni di cemento sulla ferrata, scatta la polemica. Il Comune di Moena: "Necessario per garantire la sicurezza"

TrentoToday è in caricamento