Uccidono femmina e cucciolo di capriolo: revocata la licenza di caccia

Bracconieri sorpresi in un fienile a macellare una femmina di capriolo ed il suo cucciolo

C'è anche un cacciatore trentino tra i sette denunciati a Capovalle, in provincia di Brescia, per un triste episodio di bracconaggio. Il gruppo è stato sorpreso in un fienile mentre macellava, lontano da occhi indiscreti, una femmina di capriolo ed il suo cucciolo, cosa di per sè fuori norma. Ad aggravare la posizione dei sette sono le munizioni utilizzate per la battuta di caccia, anch'esse vietate. La polizia locale brsciana ha segnalato il fatto alla Questura, che ha aperto un'istruttoria, revocando sei licenzze, mentre ad uno dei sette il permesso di caccia è stato solamente sospeso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Coronavirus, nuovi casi dimezzati: oggi 45. Morto anche un 28enne che era stato dimesso

Torna su
TrentoToday è in caricamento