rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Scienza

Cambiamento climatico, ecco la ricerca che parla anche trentino

L’entomologo del Museo Mauro Gobbi tra le firme di uno studio internazionale su insetti e ambiente

C’è anche l’entomologo del Muse Mauro Gobbi tra i settanta scienziati internazionali firmatari dell'articolo pubblicato su “Ecological Monographs”, una delle riviste più importanti in ambito scientifico a livello globale, sugli effetti che il cambiamento climatico comporta per gli insetti.

Un tema tutt’altro che secondario, a maggior ragione in questi giorni in cui i leader mondiali si ritrovano a Sharm el Sheik per il vertice sul clima della Cop27.

Nel dettaglio, però, che cosa può comportare l’aumento delle temperature per gli insetti?

Gli effetti sono visibili sulla fisiologia, il comportamento, la riproduzione e la persistenza delle popolazioni. Non mancano poi i cambiamenti significativi anche nell’interazione tra specie, con ripercussioni potenzialmente gravi sulla stabilità e sul funzionamento degli ecosistemi con rischi potenziali sull’impollinazione e sul controllo delle malattie.

Nell’articolo si fa luce anche sugli effetti dei cambiamenti climatici in ambito alpino, con particolare riferimento alle aree glaciali, frutto del lavoro di Gobbi.

“Sono necessarie azioni urgenti e a più livelli  per monitorare gli insetti, sia in un'ottica di salvaguardia della biodiversità e di conservazione delle specie emblematiche che di mantenimento delle attività umane come l’agricoltura. L’azione passa innanzitutto attraverso le politiche pubbliche, a livello di nazioni o di continenti. L’accordo di Parigi e i vertici sul clima rappresentano un inizio promettente, ma insufficiente” spiegano i ricercatori nel loro articolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cambiamento climatico, ecco la ricerca che parla anche trentino

TrentoToday è in caricamento