In Trentino donne svantaggiate rispetto agli uomini sia sul lavoro che in politica: "Siamo ancora lontani dalla parità"

Lo segnala una pubblicazione sulla situazione delle donne e degli uomini nell'Euregio presentata a Bolzano

(Foto da Piqsels)

Le donne occupate nella provincia di Trento sono solo il 44% del totale della forza lavoro. E nei consigli comunali la loro presenza non arriva nemmeno al 22%. La grave disparità di genere nella Provincia autonoma emerge da una pubblicazione sulla situazione delle donne e degli uomini nell'Euregio presentata a Bolzano. 

"Senza sorprese il posizionamento delle donne e degli uomini nel mercato del lavoro si conferma penalizzante per la parte femminile - si legge nel documento - in ciascuna area dell'Euregio dove i tassi di attività e di occupazione delle donne risultano inferiori a quelli dei maschi. Il maggior divario si registra in provincia di Trento, nel Tirolo il gap è tra tutti il meno ampio mentre la provincia di Bolzano si colloca in posizione intermedia".

Le donne non riescono a partecipare alla vita lavorativa

Nell’Euregio oltre il 50% della popolazione residente è di genere femminile ma tra le forze di lavoro e le persone occupate la percentuale delle donne cala: si scende al 47% in Tirolo, al 45% nella provincia di Bolzano e al 44% in quella di Trento. "Significa che - spiega la pubblicazione - ancora oggi, meno donne rispetto agli uomini decidono di partecipare alla vita attiva e/o accedono a un lavoro. L’occupazione femminile si distingue per vari aspetti da quella dei maschi: la percentuale di donne che lavorano a part-time è tra cinque e sette volte superiore e nel Tirolo si registra la più alta percentuale di donne occupate a tempo parziale, il 53,2% (45,0 e 41,3 le percentuali per le province di Bolzano e Trento)".

"Un part-time - continua il documento - che nelle statistiche si caratterizza formalmente per un’elevata componente di volontarietà: il dato del 2016 disponibile per la provincia di Trento certifica per le donne una percentuale del 61,7% ma è evidente che si tratta di una volontarietà obbligata e, quantomeno in parte, 'costretta' dalle esigenze della conciliazione" tra la vita familiare e quella lavorativa.

Pochissime donne in politica

Un altro dato messo in luce dalla pubblicazione è quello sulle donne in politica, la cui presenza "è minoritaria in ognuno dei tre territori. Le donne nei consigli comunali oscillano tra il 20,7% del Tirolo (senza Innsbruck) e il 27,8% di Trento; 19,5% il dato di Bolzano", specifica il testo. Rispetto alla partecipazione politica si registra quindi una presenza femminile "che non supera il 30% nei Consigli provinciali, di massimo l’11% per quanto riguarda le sindache e di massimo 28% nei Consigli comunali. Nei nostri sistemi democratici quindi siamo ancora lontane da una situazione di parità che rispecchierebbe giustamente la metà della popolazione", è il commento conclusivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Ragazzina in bici investita dall'autobus in via Venezia

Torna su
TrentoToday è in caricamento