rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Attualità Sant'Orsola Terme

Don Daniele lascia la val dei Mocheni e si sposta a Brentonico

Il parroco, durante l'ultima messa: “Ho trovato persone dalla mani ruvide ma dal cuore caldo”

Nato e cresciuto ad Ala, don Daniele Laghi si avvicina a casa. Dopo aver guidato la parrocchia della val dei Mocheni per 11 anni, il parroco ha salutato tutti il 3 ottobre e si è messo in cammino verso la sua nuova destinazione: Brentonico. Don Daniele ha lasciato un segno in val dei Mocheni e a confermarlo è stata la grande partecipazione nel pomeriggio di domenica si è data appuntamento a Sant'Orsola per salutarlo prima della partenza definitiva.

Chiesa di Sant'Orsola Terme-2

Dopo undici anni di esperienza alla guida delle parrocchie della val dei Mocheni il sacerdote è pronto ad affrontare il nuovo incarico che l'Arcivescovo, mons. Lauro Tisi, gli ha affidato sull'altopiano di Brentonico. Don Daniele sarà parroco dell'Unità pastorale “Maria Regina del Baldo” che comprende le chiese di Brentonico, Castione, Cornè, Crosano, Prada e Saccone. Quasi un ritorno a casa per lui che è nato e cresciuto ad Ala. A Brentonico si trova in Casa di riposo la nonna di don Daniele e una zia vive a Castione. Immutato sarà il suo impegno con il Coni e l'assistenza spirituale degli sportivi.

In val dei Mocheni don Daniele ha tessuto tanti rapporti in un oltre dieci anni di servizio pastorale. Lo si è visto in occasione della Santa Messa di commiato. A salutarlo c'erano giovani e anziani, rappresentanti istituzionali, dalla Provincia ai Comuni, tutte le associazioni, dagli Alpini ai vigili del fuoco volontari. Tutti commossi per questa sua partenza. Nella sua omelia, non senza commozione, ha ringraziato tutti per il calore ricevuto in questi undici anni. “Non mi avete mai lasciato solo - ha detto il sacerdote -. In mezzo a voi mi sono trovato bene. Ho trovato persone dalla mani ruvide ma dal cuore caldo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Don Daniele lascia la val dei Mocheni e si sposta a Brentonico

TrentoToday è in caricamento