rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità

Conto alla rovescia per la ripartenza anche per il Dolomiti Superski: ecco le novità

Stagione al via il 27 novembre, tra misure anticontagio e nuovi investimenti

Ci sono già stati i primi assaggi (ad esempio sul Presena), ma la data cerchiata sul calendario è quella del prossimo 27 novembre. Tra i tanti comprensori a ripartire per la stagione invernale alle porte, anche il Dolomiti Superski, il maggior comprensorio sciistico italiano: 1200 chilometri di piste a cavallo tra le province di Trento, Bolzano e Belluno.

Le novità principali ovviamente riguardano le misure di sicurezza: obbligo di green pass per gli sciatori, ma non solo. Da gennaio, sarà obbligatorio anche avere un'assicurazione e usare il casco per i minorenni.

Su tutto il comprensorio intanto, nonostante gli stop dell'ultima stagione sciistica, le società che gestiscono gli impianti di risalita hanno investito circa 130 milioni di euro per rinnovare gli impianti stessi e ammodernare piste e sistemi di innevamento programmato. Sono 14 gli impianti di risalita completamente rinnovati, pronti per essere provati, nonché numerose piste rimodellate o recuperate da zone precedentemente utilizzate per fini diversi.

Novità anche nell’offerta di soluzioni skipass per tutte le esigenze. Nella stagione invernale 2021-22 debutta l’opzione "Dolomiti Superdays", una tessera personale non trasferibile, sulla quale il cliente può caricare da un minimo di 8 fino a un massimo di 40 giornate sci non consecutive. Inoltre Dolomiti Superski si è dotato di una app, e per facilitare la connessione al web mette a disposizione una fitta rete di oltre 100 hot-spot WIFI gratuiti presso i punti vendita skipass, le stazioni a valle e a monte dei principali impianti di risalita e in alcuni casi anche su tutta la tratta dell’impianto.

Sul fronte della sostenibilità ambientale, sociale ed economica, l’impegno di Dolomiti Superski si traduce in azioni concrete, dal software che gestisce i mezzi sulla neve per minimizzarne l’impatto agli impianti di risalita concepiti come infrastruttura di mobilità sostenibile, senza dimenticare la creazione di lavoro come freno allo spopolamento della montagna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conto alla rovescia per la ripartenza anche per il Dolomiti Superski: ecco le novità

TrentoToday è in caricamento