Nuovo decreto: tante conferme e poche novità

Niente discoteche al chiuso e grandi fiere, ma tornano i bagagli a mano sugli aerei. Ecco il nuovo decreto Conte

Mascherina nei luoghi chiusi, divieto di assembramento con pesanti sanzioni per chi sgarra, niente fiere e discoteche almeno fino al 31 luglio. Il nuovo Dpcm contiene più conferme che novità. Sostanzialmente il provvedimento del presidente Conte proroga fino a fine mese le disposizioni già prese lo scorso 11 giugno, con pochissime eccezioni.

Non ci sarà dunque il "via libera" alle discoteche: potranno svolgersi solamente eventi all'aperto, secondo le norme alle quali sono soggette tutte le attività del comercio e della ristorazione. Il divieto di assembramento, che in un primo momento sembrava potesse decadere con questo decreto, rimane e così le sanzioni per i trasgressori.

Piccolo, ma fondamentale, dettaglio per chi viaggia in aereo: con il nuovo Dpcm si può tornare a caricare nelle cappelliere, e non in stiva, i bagagli a mano, compresi trolley delle giuste dimensioni. Una piccola "apertura" che andrà ad incidere non poco sul turismo di questa anomala estate post-emergena. 

La mascherina rimane obbligatoria in tutti i luoghi chiusi aperti al pubblico. In particolare in Trentino, oltre che per negozi e supermercati, è obbligatoria in tutti gli uffici pubblici che hanno riaperto e sui mezzi pubblici. Il vicino Alto Adige ha invece fatto un passo avanti, in autonomia, decretando la fine dell'obbligo della mascherina in tutto il settore della ristorazione: per chi ci lavora sarà sufficiente una non meglio specificata "protezione delle vie respiratorie". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

Torna su
TrentoToday è in caricamento