menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trento, effetti diretti e indiretti del Covid dopo un anno: "28,9% di decessi in più"

"L'incremento maggiore della mortalità si è registrato tra i più anziani durante la seconda ondata della pandemia, soprattutto nei mesi di novembre e dicembre"

Dopo il primo anno dell’epidemia da Covid-19, proprio nel giorno in cui si onorano le vittime del Covid, dal Comune di Trento arrivano i numeri legati ai decessi. "Il Covid-19" si legge nella nota "ha avuto un impatto molto forte su tutti gli aspetti della società. Il più drammatico è quello legato all’impennata dei decessi, collegabili sia direttamente che indirettamente alla pandemia in corso (si pensi, ad esempio ai decessi causati dal sovraccarico del sistema sanitario che non consentono il trattamento tempestivo delle malattie o a quelli legati alla compresenza di patologie croniche gravi)".

Per cercare di quantificare, seppure con una stima, questo eccesso di mortalità è stato analizzato il numero di decessi del 2020 confrontandolo con la media dei 5 anni precedenti. "Dall'analisi" sottolinea la nota "è emerso che anche nel Comune di Trento si è registrato, nel corso del 2020, un aumento generale dei decessi per tutte le cause: si tratta di  1.388 decessi per il complesso delle cause, 312 decessi in più rispetto alla media dei decessi 2015-2019 (1.076)  con un incremento percentuale pari al 28,9%".

"Durante la prima fase dell’epidemia si contano 363 decessi (da febbraio ad aprile 2020), 78 in più rispetto alla media dello stesso periodo del 2015-2019" continua la nota. "In particolare si registra un incremento di decessi pari al 12,8% nel mese di marzo ed un incremento ancora più consistente, pari al 75,5%, nel mese di aprile. Nel periodo giugno-settembre, in corrispondenza della fase di transizione della diffusione dell’epidemia, si osserva una riduzione della mortalità totale che porta il numero dei decessi per il complesso delle cause registrati nel 2020 in linea con i valori di riferimento del periodo 2015-2019".

Da ottobre, invece, "diventano via via più evidenti gli effetti della seconda ondata dell’epidemia di Covid-19 sulla mortalità totale: si sono registrati 514 decessi (da ottobre a dicembre 2020), 246 in più rispetto alla media dello stesso periodo del 2015-2019. A ottobre si registra  un eccesso di decessi totali del 39,7% , il mese di novembre e dicembre fanno registrare rispettivamente un incremento del 116,5% e 117,7%".

Considerando l’età delle persone, gli effetti del Covid durante la prima ondata si sarebbero manifestati soprattutto sulla popolazione più anziana, con un incremento dei decessi pari  al 28,4% nella classe di età degli ultra ottantacinquenni. "Ma è nella seconda ondata che gli effetti del Covid si sono fatti sentire in  modo ancora più drammatico" conclude la nota, "estendendosi a tutte le classi di età, ma aggravandosi in  modo particolare in quelle più elevate. I decessi di persone ultra ottantacinquenni sono 291 (151 in più rispetto alla media dei decessi 2015-2019). L’eccesso di decessi più accentuato si registra a dicembre nelle fasce di età 95 e oltre (+182,6 %) e 75-84 (+179,3)".

Il documento completo è pubblicato sul sito Internet del Comune di Trento nell’Area tematica “Statistiche e dati elettorali – Studi e analisi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
  • Meteo

    Nevica sul Monte Bondone

  • Cronaca

    Addio alla Rosetta: Levico perde una nonna speciale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento