menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una foto della protesta dei lavoratori dello spettacolo

Una foto della protesta dei lavoratori dello spettacolo

Crisi per i lavoratori dello spettacolo che stanno svendendo i loro strumenti per sopravvivere

Marco Lever, presidente Assoartisti-Confesercenti del Trentino: «Serve un supporto economico immediato»

Esasperati, senza certezze e sconfortati i professionisti dello spettacolo denunciano una situazione divenuta ormai drammatica e insostenibile. «Siamo gli ultimi, “gli inutili” e spesso nemmeno nominati nei diversi Dpcm» afferma Mauro Lever, presidente di Assoartisti-Confesercenti del Trentino. «Il mondo dello spettacolo è stato tra i primi a fermarsi e sarà tra gli ultimi settori a ripartire. È oramai da un anno che viviamo in una condizione di sospensione che non ci permette di programmare nulla, una condizione di instabilità e incertezza totale. I lockdown e le misure restrittive hanno colpito l’industria dell’intrattenimento, costituito per lo più da piccole imprese e da lavoratori autonomi, quindi da soggetti meno attrezzati ad assorbire grossi shock economici».

Una situazione è drammatica, quella descritta nella nota arrivata in redazione giovedì 28 gennaio, perché non c'è lavoro ed è tutto fermo e non ci sono prospettive di ripartenza con un piano di recupero definito. «Mi sento e confronto tutti i giorni con molti operatori di categoria» continua Lever «e nella maggior parte dei casi, da mesi, non riescono più nemmeno a far fronte alle spese per sopravvivere. Musicisti, operatori stanno svendendo i loro strumenti di lavoro per arrivare a fine mese distruggendo in maniera permanente anni di lavoro e sacrifici. mi riferisco ai professionisti dello spettacolo che lavoravano regolarmente da anni».

Il presidente di Assoartisti-Confesercenti del Trentino puntualizza anche che questa categoria è allo stremo in tutta la sua professionalità e trasparenza. «Non mi riferisco alle difficoltà di chi lavora nel sommerso» sottolinea Lever «anzi da coloro che non sono in regola prendiamo le distanze perché, oltre a danneggiare la categoria, tolgono dignità e professionalità a chi lavora con sacrificio. Il concetto di lavoratori dello spettacolo è riferito a coloro che stabilmente e professionalmente, sono impiegati a svolgere attività essenzialmente destinate alla realizzazione di prestazioni artistiche o spettacolistiche».

Servono dunque interventi immediati e urgenti per una categoria che oggi è ritenuta fragile. «Chiediamo alla Provincia» dice Mauro Lever  «di rivolgere la stessa attenzione avuta nei confronti di altre categorie a questi lavoratori, chiediamo un supporto economico immediato per far fronte all’azzeramento delle attività lavorative nel comparto, di ampliare, la platea dei destinatari degli aiuti o contributi seguendo per l'identificazione dei beneficiari i parametri suggeriti dalle nostre associazioni di categoria».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Dpcm, cosa cambierà?

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Covid, sintesi del nuovo Dpcm

  • Attualità

    Covid-19, Decreto Sostegno: tutte le possibili novità

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus, un altro lutto e +220 contagi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento