L'assessore Bisesti in viaggio con gli studenti

Salito sull'autobus alle 7 del mattino, Bisesti ha testato il servizio che porta gli studenti di Aldeno agli istituti superiori di Trento

La scuola e la formazione dei giovani sono una delle priorità delle azione di contrasto alla pandemia Covid messe in campo dalla Provincia autonoma di Trento, a spiegarlo è l'ufficio stampa. Venerdì 30 ottobre, al mattino, l’assessore provinciale all’istruzione Mirko Bisesti ha voluto verificare di persona la situazione del trasporto pubblico scolastico, condividendo con gli studenti la corsa Aldeno - Trento. «Da responsabile dell’istruzione in Trentino - ha esordito Bisesti - intendo garantire la sicurezza degli studenti e ribadire la vicinanza delle istituzioni a loro e alle famiglie. La Provincia ha investito e investirà nell’istruzione e faremo il possibile per garantire le lezioni in presenza. Il Trentino ha chiare le azioni da intraprendere e il modello di docenza anche in questo periodo di emergenza. Roma ci deve ascoltare».

Alle 7 del mattino l’assessore provinciale all’istruzione Mirko Bisesti si è presentato alla partenza del bus che ogni giorno porta gli studenti di Aldeno agli istituti superiori di Trento. Dopo aver salutato i ragazzi, Bisesti è salito a bordo di uno dei bus che in questo periodo la Provincia ha messo a disposizione per rafforzare il trasporto pubblico scolastico. «Mascherine e distanziamento - ha spiegato l’assessore - sono le regole fondamentali della prevenzione al Coronavirus. Tutti noi siamo chiamati a rispettarle: studenti, famiglie e istituzioni. Inoltre, è importante per le famiglie e gli stessi ragazzi, sapere che la Provincia sta facendo il possibile per garantire la sicurezza degli studenti».

Sul bus hanno viaggiato una trentina di studenti. «Mi sono complimentato con loro - ha aggiunto l’assessore - per la compostezza e il senso di responsabilità dimostrati: tutti sono saliti a bordo con la mascherina, rispettando i tempi e il distanziamento, così da non generare assembramenti. I giovani riescono sempre ad esprimere il meglio, se sono messi nelle condizioni di farlo».  L’occasione della trasferta ha permesso all’assessore di informarsi con gli autisti sulle condizioni del servizio. «I conduttori dei mezzi pubblici - ha sottolineato l’assessore - sono tra i professionisti che ogni giorni lavorano con passione ed impegno per gestire al meglio questa ‘nuova normalità’ e a loro dobbiamo il nostro ringraziamento».

Bisesti è poi tornato sul dibattito che in questi giorni vede il Trentino differenziarsi da alcune delle misure anti Covid del Governo. «Fin dalle prime ore della pandemia - ha ricordato l’assessore - abbiamo allestito una task force composta da esperti con l’obiettivo di suffragare le nostre azioni con evidenze scientifiche e sanitarie. Con le strutture provinciali abbiamo lavorato duramente per attrezzare la scuola ed i trasporti nel miglior modo possibile, avendo sempre a riferimento la sicurezza. Abbiamo investito nella scuola, sia nell’adeguamento delle aule che nella dotazione di professori ed alunni, e rafforzato i servizi di supporto, come i trasporti. Abbiamo potenziato le tratte scolastiche per numero di corse e numero di mezzi di trasporto. Se oggi abbiamo viaggiato in sicurezza con gli studenti di Aldeno è merito del sistema Trentino che ha risposto con efficacia ed efficenza all’emergenza Covid. Se necessario, continueremo ad investire. Il Trentino - ha concluso Bisesti - è un territorio responsabile che conosce i propri bisogni ed ha i mezzi per tutelare il proprio modello scolastico. E’ per questa ragione che Roma ci deve ascoltare».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

Torna su
TrentoToday è in caricamento