menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pranzo di Natale 2020, per il virologo: «meglio in piedi che seduti»

I consigli arrivano da Torino, dal professore ordinario di Malattie infettive all’Università, Giovanni Di Perri: «Meglio togliere la Ffp2 solo per mangiare, in particolare gli ultra 65enni, e rimetterla nell’attesa tra le varie portate»

Arrivano da ogni parte d'Italia ormai i consigli su come affrontare il Natale 2020, nell'anno del Coronavirus che ha sconvolto tutto il mondo come lo abbiamo vissuto fino a qualche mese fa. L'ultimo contributo è arrivato da Giovanni Di Perri, professore ordinario di Malattie infettive all’Università di Torino, a colloquio con Francesco Rigatelli della Stampa. Il professore ha fornito una serie di consigli per il pranzo di Natale 2020: «L’ideale - spiega Di Perri - sarebbe limitare l’evento a persone che già convivono o si sono frequentate di recente, con un limite di posti a tavola, il numero più basso possibile, ed escludendo i parenti oltre 65: se gli vogliamo davvero bene questo è l’anno di lasciarli tranquilli». Poi consiglia anche un tampone rapido, sottolineando però che non fornisce la sicurezza di essere immuni dal contagio e di andare ognuno con la propria automobile dando passaggi soltanto ai conviventi. I padroni di casa dovrebbero mantenere aperte le finestre del luogo dove si mangia e bisognerebbe indossare la mascherina quando non si è a tavola. 

A proposito di tavola, come riporta Today, meglio anche far sedere vicini i conviventi e ricordare che «la gran parte dei contagi avviene tramite il respiro, per cui finestre e mascherine sono i punti fondamentali da osservare. Sarebbe importante per esempio togliere la Ffp2 solo per mangiare, in particolare gli ultra 65enni, e rimetterla nell’attesa tra le varie portate». E ancora: «Altri momenti delicati sono ingressi e uscite, in cui sono da evitare assembramenti e saluti ravvicinati, e la consegna dei regali, per cui è consigliato portare con sé un gel disinfettante». Di Perri, però, alla fine è molto più caustico: «Primo consiglio: non fate niente. Secondo: evitate il pranzo seduti a tavola. Terzo: se proprio ci tenete datevi delle regole. E se alla fine di tutto questo avete ancora voglia di incontrarvi, fatelo pure». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Chiusa per pericolo valanghe l'area del Mugon sul Monte Bondone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento