Lunedì, 2 Agosto 2021
Attualità

Covid-19, nuovo piano vaccini: criticità

AstraZeneca solo agli over 60, richiami con Pfizer e Moderna per 900mila persone. Stop agli open day per i giovani con i vaccini a vettore virale. La corsa alle scorte per le seconde dosi entro il mese di agosto e il timore che anche gli over 60 chiedano di cambiare dopo l'ennesima giravolta sul vaccino anglo-svedese

Niente AstraZeneca per chi ha meno di 60 anni, fermi di conseguenza anche gli open day per i giovani con i vaccini a vettore virale organizzati tra fine maggio e inizio giugno. La seconda dose vedrà la somministraZione di Pfizer o Moderna, i due vaccini a mRna. A riportare la notizia è Today. Dopo le valutazioni «sul mutato scenario nel rapporto tra benefici e potenziali rischi legati a trombosi rare che cambia anche in funzione dell'età» ha spiegato il coordinatore del Comitato tecnico scientifico Franco Locatelli, una circolare del ministero della Salute detta le nuove regole sulla campagna vaccinale anti covid e sull'utilizzo del farmaco anglo-svedese.

La circolare del ministero

«Alla luce delle indicazioni del Cts» si legge nel documento, «il vaccino Vaxzevria viene somministrato solo a persone di età uguale o superiore ai 60 anni (ciclo completo)». Non più un suggerimento o una raccomandazione, dunque, ma "un'indicazione perentoria", come anticipato ieri dal ministro della Salute Roberto Speranza. La circolare, firmata dal direttore generale della Prevenzione sanitaria del ministero della Salute Gianni Rezza, continua così sui richiami con un vaccino diverso: «Per le persone che hanno ricevuto la prima dose di vaccino Vaxzevria e sono al di sotto dei 60 anni di età, il ciclo deve essere completato con una seconda dose di vaccino a mRNA (Comirnaty Pfizer o Moderna), da somministrare ad una distanza di 8-12 settimane dalla prima dose».

Nuovo piano vaccinale e criticità

Secondo il commissario per l'emergenza coronavirus, Francesco Paolo Figliuolo, la scelta di somministrare AstraZeneca solo agli over 60 potrebbe avere «qualche impatto sul piano vaccinale, ma solo se ci dovessero essere ulteriori intoppi o ritardi nelle consegne, ma sono sicuro che fra luglio e agosto riusciremo a mitigare questo impatto». Gli ultimi avvenimenti che hanno visto coinvolto il farmaco anglo-svedese, il nuovo piano vaccinale andrà rimodulato. Il rischio è che questo possa portare a un rallentamento della campagna di immunizzazione. Sono due i problemi principali all'orizzonte, a cominciare dalla corsa alle scorte.

Come si legge nella circolare del ministero della Salute, con allegato il parere del Cts, il richiamo per gli under 60 vaccinati con AstraZeneca deve essere fatto ad una distanza di 8-12 settimane dalla prima dose. Con gli open day cominciati in ordine sparso in diverse regioni italiane a metà maggio, ciò significa che per la metà del mese di agosto bisogna avere a disposizione le scorte necessarie di Pfizer e Moderna per garantire a circa 900mila persone sotto i 60 anni il completamento del ciclo vaccinale, senza ovviamente sottrarre la seconda dose con i vaccini a mRna a tutti quelli che hanno fatto la prima dose con Pfizer e Moderna. Secondo problema: c'è il timore fondato che qualcuno o più di qualcuno tra gli over 60 vaccinati con la prima dose di AstraZeneca possa chiedere di cambiare vaccino per la seconda somministrazione, dopo le tante comunicazioni contraddittorie e l'ennesimo dietrofront sulle indicazioni d'uso. Le persone di questa fascia sono 4 milioni. Cosa farà il governo in caso di rinunce?

Persone da vaccinare e dosi

Figliuolo ha spiegato che sono potenzialmente 7,4 i milioni di italiani sopra i 60 anni che potranno ricevere ancora il vaccino di Astrazeneca alla luce delle nuove indicazioni del Comitato tecnico scientifico. Il commissario ha detto che si tratta di 3,5 milioni di over 60 che devono ancora ricevere la prima dose - e sono quelli «su cui dobbiamo continuare sempre e in maniera incalzante a cercare di somministrare i vaccini» e 3,9 milioni di over 60 che devono invece fare il richiamo. Ad oggi, ha sottolineato il generale, sono stati vaccinati con una dose il 91,5% degli over 80, oltre l'85% degli appartenenti alla fascia 70-79 e il 76% di coloro che sono nella fascia 60-69. Complessivamente, invece, sono stati superati i 40 milioni di somministrazioni, con il 49% degli italiani a cui è stata inoculata la prima dose.

Nel caso in cui le dosi di Astrazeneca dovessero avanzare in seguito alle nuove indicazioni del Cts, le fiale potrebbero andare ai Paesi Covax, come ha ipotizzato Figliuolo. L'obiettivo del programma Covax sostenuto dalle Nazioni Unite è di fornire due miliardi di dosi di vaccino a circa un quarto della popolazione dei Paesi più poveri entro la fine del 2021. Entro fine giugno, ha spiegato il generale, sono attese 15 milioni di dosi di AstraZeneca: considerando che ci sono potenzialmente 3,5 milioni di over 60 da vaccinare con entrambe le dosi e 3,9 con la seconda, serviranno 10,9 milioni di dosi. «In teoria» ha detto il commissario all'emergenza covid «impiegheremmo quasi tutto il potenziale».

J&J raccomandato agli over 60

E il vaccino Janssen? Il monodose a vettore virale di Johnson&Johnson «viene raccomandato, anche alla luce di quanto definito dalla Commissione tecnico scientifica dell'Aifa, per soggetti di età superiore ai 60 anni. Qualora si determinino specifiche situazioni in cui siano evidenti le condizioni di vantaggio della singola somministrazione ed in assenza di altre opzioni, il vaccino Janssen andrebbe preferenzialmente utilizzato, previo parere del Comitato etico territorialmente competente». Lo evidenzia il verbale del Comitato tecnico scientifico dell'11 giugno, allegato alla circolare del ministero della Salute di aggiornamento del parere del Cts sui vaccini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid-19, nuovo piano vaccini: criticità

TrentoToday è in caricamento