rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Attualità

In Trentino puoi imparare il lavoro che "salva" il mondo grazie alla Fem

La Fondazione organizza un corso teorico-pratico di apicoltura per principianti e professionisti

Le api sono tra gli esseri viventi più preziosi al mondo. Responsabili di una buona percentuale d'impollinazione, garantiscono una parte della produzione di cibo. E quello dell'apicoltore può dunque essere considerato uno di quei lavori che "salva" il mondo. Dal Trentino, dalla Fondazione Edmund Mach, c'è una spinta verso la formazione di queste figure, con l'organizzazione di un corso teorico-pratico di apicoltura. Sono undici lezioni che si svolgeranno tra il 9 marzo e il 6 luglio, per un totale di 32 ore, nella sede periferica a Casalino di Pergine Valsugana.

Organizzato dal Centro Trasferimento Tecnologico, è un corso rivolto a coloro che sono interessati a conoscere a fondo le api e a intraprendere l’attività apistica a livello familiare/hobbistico, ma anche agli apicoltori professionali già avviati, per approfondire la propria formazione e confrontare le pratiche adottate in azienda. Poiché particolare attenzione verrà rivolta agli aspetti culturali dell’apicoltura, il corso può essere di utilità anche per insegnanti di vario livello che potranno trovare nel mondo delle api e dell’apicoltura importanti spunti didattici.

Il corso prevede l’esposizione degli argomenti aggiornati agli ultimi studi del settore, mantenendo l’attenzione alle ricadute pratiche e al “benessere animale” nei confronti delle api, alla valenza ecologica e agricola dell’ape mellifera e al rispetto della salute dell’apicoltore e del consumatore, nell’ottica della salvaguardia dei valori nutrizionali, nutraceutici e organolettici dei prodotti apistici.

Il corso è organizzato in nove lezioni frontali settimanali pomeridiane in aula durante le quali saranno trattati i principali aspetti riguardanti l’apicoltura: la conoscenza dell’organismo ape e alveare, la biologia delle api, la gestione dell’apiario, i prodotti delle api, il controllo delle malattie e dei parassiti delle api, in particolare la Varroa, gli aspetti burocratici e normativi, l’apicoltura biologica, la storia del rapporto tra l’uomo e le api, ecc.

Sono inoltre previste due lezioni pratiche in apiario, la prima a fine aprile, quando in Trentino le api si trovano all’apice della ripresa primaverile e in cui cominciano le sciamature e la seconda a inizio luglio, ossia nel momento in cui l’infestazione di Varroa diviene tale da richiedere l’intervento dell’apicoltore. Per saperne di più, basta visitare il sito della Fondazione. 
 

Ultime notizie

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Trentino puoi imparare il lavoro che "salva" il mondo grazie alla Fem

TrentoToday è in caricamento