Coronavirus, il Trentino diventa zona protetta: cosa non si può più fare

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha chiesto a tutti gli italiani di rimanere a casa per evitare il collasso del sistema sanitario. Evitato ogni spostamento se non per comprovata necessità

Repertorio

Il Trentino, come tutto il resto d'Italia, diventa zona protetta o arancione. A comunicarlo nella serata di lunedì 9 marzo il premier Giuseppe Conte, che ha firmato il nuovo decreto, chiamato 'Io resto a casa'. La decisione è arrivata a causa del numero sempre più alto di contagi - 9172 -  e di decessi  - 463. Per fermare l'epidemia le regole prescrivono a tutti i cittadini di limitare i propri spostamenti fuori e all'interno del territorio a motivi di lavoro, salute o approvvigionamento di alimenti o farmaci.

Cosa non si può più fare

"Non c'è più tempo, servono provvedimenti più duri - ha spiegato Conte - Tutti gli spostamenti sono vietati se non per comprovate necessità". A partire da martedì 10 marzo anche in Trentino entrano in vigore le norme adottate in Lombardia e nelle 14 province della 'zona rossa'. In particolare, per contenere il contagio, è da evitare qualsiasi spostamento al di fuori del Comune di residenza che non sia giustificato da "ragioni di lavoro, necessità o salute", come ha chiarito il presidente del consiglio. Le scuole di ogni ordine e grado e le università rimangono chiuse.

Sono inoltre vietati gli assembramenti all'aperto o all'interno di locali. Chiuse anche tutte le stazioni sciistiche e  sospese le manifestazioni sportive, compresi tutti i campionati tra cui la Serie A di calcio. Nessun bar o ristorante potrà rimanere aperto dopo le 18. Le misure del decreto 'Io resto a casa' sono valide fino al 3 aprile 2020. Per fare rispettare le nuove regole le forze dell'ordine effettueranno controlli; sarà possibile giustificare i propri spostamenti sottoscrivendo un'autocertificazione che indichi provenienza, destinazione e motivo del proprio viaggio.

Cosa si può fare

È possibile spostarsi per andare a lavorare, fare la spesa o per situazioni di comprovata necessità. I supermercati rimarranno aperti: sono quindi da evitare nel modo più assoluto assalti che rischierebbero di diffondere il contagio; da rispettare le distanze di sicurezza. Non è prevista invece una limitazione ai trasporti pubblici, per i motivi suddetti sarà quindi possibile muoversi in autobus o treno. I bar apriranno alle 6 del mattino e chiuderanno alle 18. Sarà  infine possibile fare la spesa nei super o nei centri commerciali ma solo rispettando le distanze di sicurezza.

iorestoacasa-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali: i risultati in tutti i Comuni

  • Elezioni comunali 2020: lo spoglio in diretta

  • Rovereto, Valduga va al ballottaggio con Zambelli

  • Elezioni comunali Trento 2020, Exit Poll: Ianeselli oltre il 51%

  • Riva del Garda, al ballottaggio Mosaner e Santi, una manciata di voti separano i due candidati

  • Elezioni nelle Circoscrizioni: ecco i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento