Coronavirus, da Trento l'appello alla prudenza: «ci giochiamo la terza ondata». Nuova ordinanza in arrivo

Ianeselli: «Attenzione allo shopping, evitate le ore di punta». In arrivo un'ordinanza antifumo davanti alle scuole e alle fermate del bus in vigore dal 7 gennaio

Il sindaco Franco Ianeselli

«In queste settimane ci giochiamo la terza ondata» ha affermato il sindaco di Trento, Franco Ianeselli, nel corso di una conferenza stampa di lunedì 14 dicembre. È, quello del sindaco trentino, un nuovo appello alla prudenza, più che mai necessaria per tenere sotto controllo i numeri del contagio da coronavirus: «Nel week end in centro storico e  in Bondone c'erano davvero tante persone – ha osservato il sindaco – Non ci sono stati comportamenti clamorosi, ma certo è fondamentale non abbassare la guardia. Per questo chiedo ai cittadini che escono per fare shopping di scegliere gli orari in cui l'afflusso di persone è minore. A questo proposito domani (martedì 15 dicembre ndr) farò un incontro con le categorie economiche della città perché vogliamo gestire insieme i giorni che ci separano dal Natale. Ci piacerebbe poter contare sulla presenza di steward davanti ai negozi, soprattutto quando ci sono code e le persone tendono a stare troppo vicine. E comunque ricordiamoci che molti esercizi commerciali di Trento hanno anche i siti Internet che ci permettono di fare acquisti in sicurezza».

Quanto al Bondone, c'è un altro tema oltre a quello delle distanze e delle mascherine: «Ben vengano le attività all'aria aperta sulla Trento Alta, ma facciamo attenzione ai rischi – ha esortato il sindaco - In questo periodo occorre evitare assolutamente di intasare il pronto soccorso». Questi sono anche i giorni in cui l'Amministrazione comunale si prepara alla riapertura delle scuole, prevista il 7 gennaio. Il sindaco ha annunciato un'ordinanza antifumo alle fermate dei bus e nelle vicinanze degli istituti scolastici:«Abbiamo osservato che sono i luoghi in cui le persone si accalcano e, con la scusa della sigaretta, si tolgono la mascherina  - ha spiegato Ianeselli – Cercheremo di prevedere alle principali fermate del trasporto pubblico la presenza di volontari, che così potranno monitorare la situazione e invitare a tenere comportamenti corretti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cashback di Stato, i rimborsi entro marzo e il "bug" dell'App Io

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Il Trentino rimane zona gialla, unico territorio in tutto il Nord Italia

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Impianti sciistici ancora nelle incertezze, Ghezzi: «Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna in zona arancione. E chi viene in Trentino?»

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

Torna su
TrentoToday è in caricamento