Famiglia contagiata da Coronavirus a Fai della Paganella: "Stiamo ricostruendo contatti e spostamenti"

Il presidente Fugatti oggi a Fai della Paganella, dove ha soggiornato la famiglia lombarda positiva al test

Il personale dell'Azienda sanitaria provinciale sta ricostruendo le due giornate della famiglia di turisti lombari, contagiati da Coronavirus, in Trentino. La famiglia, composta da tre persone, è originaria di Soresina, in provincia di Cremona, e frequenta abitualmente l'Altopiano della Paganella. 

I tre hanno alloggiato in un appartamento privato a Fai. Sono arrivati venerdì sera e già nella mattinata di sabato i sono rivolti alla guardia medica dopo aver accusato i primi sintomi. Nella giornata di domenica sono stati trasferiti, in ambulanze speciali, all'ospedale di Bergamo.

Si tratta dei primi casi in assoluto in Trentino, anche se le vittime non sono residenti. "Attualmente si stanno ancora ricostruendo con attenzione gli spostamenti e i contatti avuti dalla famiglia di turisti - si legge in una nota della Provincia - . Le interazioni con la popolazione sembrano essere state poco importanti, anche perché la permanenza della famiglia è stata molto breve".

Il presidente ed il dirigente generale della Provincia autonoma di Trento hanno fatto visita al Comune di Fai della Paganella, per fare il punto della situazione. Nel frattempo è stata emanata l'ordinanza con la quale si decreta la chiusura di scuole, asili e università fino al 2 marzo e la sospensione di tutti gli eventi di Carnevale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

Torna su
TrentoToday è in caricamento