Multe, affitti, mascherine e zanzare: il sindaco risponde ai cittadini sull'emergenza coronavirus

Quattro ore alla settimana di "linea diretta" con il sindaco Andreatta, ecco le domande più frequenti

Il sindaco Andreatta in linea diretta

Incalzato, soprattutto dalle minoranze in consiglio comunale, di essere poco presente in quest'emergenza coronavirus il sindaco di Trento Alessandro Andreatta ha deciso di rispondere direttamente alle questioni sottoposte dai cittadini. Per due giorni in settimana, il martedì ed il giovedì, il primo cittadino potrà essere contattato sulla "linea diretta" al numero 0461 884005 dalle 9.30 alle 11.30.

I primi due appuntamenti hanno visto emergere diverse problematiche: Un cittadino ha contestato l'obbligo di fare la spesa nel supermercato più vicino, che spesso è anche quello più piccolo (e dunque sovraffollato) e con code più lunghe. La madre di due studenti universitari veneti ha lamentato la difficoltà attraversate in questo periodo dagli universitari bloccati a Trento, in primis quella di pagare l'affitto.

Coronavirus in Trentino: informazioni e numeri utili

Tante le richieste di maggiori controlli della Polizia Locale, soprattutto nelle zone periferiche, le perplessità riguardo alla non facile distribuzione delle mascherine promesse dalla Provincia ed all'obbligo di indossarle al supermercato, le richieste di informazioni sui buoni spesa della Provincia ed i pacchi alimentari forniti direttamente dal Comune.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alcuni hanno esposto ad Andreatta problemi personali riguardanti il lavoro o la casa, altri ancora hanno sollevato il tema delle Rsa e della difficoltà di vivere per così lungo tempo senza avere contatti diretti con i familiari ospiti delle strutture. Non è mancata una proposta, che a dir la verità poco ha a che fare con l'emergenza Coronavirus (vedi alla voce fake news), ovvero quella di procedere con la disinfestazione dalle zanzare nelle prossime settimane visto che i parchi sono chiusi e c'è poca gente in giro. Situazione della quale si è già approfittato per il lavaggio strade. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali: i risultati in tutti i Comuni

  • Elezioni comunali Trento 2020, Exit Poll: Ianeselli oltre il 51%

  • Elezioni comunali 2020: lo spoglio in diretta

  • Referendum in Trentino: ecco i risultati

  • Cade dal sentiero a picco sul lago: un altro escursionista sente le grida e chiama il 112

  • Rubano l'acqua del Comune per le fragole ma prosciugano l'acquedotto: danno da 220.000 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento