Test negativo per i 4 casi sospetti in Alto Adige, il presidente del Tirolo: "Per il momento Brennero aperto"

Falso allarme in Alto Adige, dove rimane ad oggi un solo caso: quello del giovane di Terlano, che sta bene

Test negativo per i 4 casi sospetti di Coronavirus in Alto Adige, dei quali era stata data notizia nella serata di martedì 25 febbraio. La Provincia autonoma di Bolzano comunica che i test hanno dato esito negativo.

In Trentino un "pre-filtro" al pronto Soccorso

In Alto Adige, dunque, il caso accertato finora è solamente uno: un giovane di Terlano, che è stato nelle zone del focolaio lombardo, è positivo al test. La conferma arriva anche dall'Istituto Spallanzani di Roma, che ha analizzato il campione arrivato da Bolzano. Il paziente, fa sapere la Provincia, sta bene.

La questione è stata affrontata anche in un incontro euroregionale con i tre presidenti di Trentino, Alo Adige e Tirolo. “L’Alto Adige, come tutta l’Euregio, non è un focolaio del virus” ha rimarcato il presidente della Provincia di Bolzano. La priorità in questa fase è quella di evitare il diffondersi del virus. Le persone infette devono essere messe in quarantena per evitare un ulteriore diffondersi del contagio. Questa è la procedura attualmente adottata nell’unico caso attualmente accertato in Alto Adige. “La persona risultata positiva non presenta sintomi preoccupanti. Per questo speriamo che anche il rischio di contagio sia basso”.

Il presidente del Tirolo ha riferito di due casi di contagio ad Innsbruck, confermati questa mattina dalle evidenze sanitarie dei test condotti sui pazienti interessati. Il Landeshauptmann ha tuttavia chiarito che il confine del Brennero resterà aperto: “Una chiusura dei confini non è necessaria in questo momento, come ci è stato confermato anche da esperti del settore con cui siamo costantemente in contatto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

Torna su
TrentoToday è in caricamento