Attualità Canal San Bovo

Il coliving contro lo spopolamento dei comuni montani: a Canale San Bovo alloggi in comodato gratuito

Accordo tra la Provincia e il Comune, il bando scade il 31 agosto

Utilizzare il coliving per contrastare lo spopolamento dei comuni montani, e allo stesso tempo non disperdere un patrimonio immobiliare pubblico altrimenti inutilizzato. Con questo intento due anni fa era nato un progetto all'interno del Distretto famiglia degli Altipiani Cimbri, denominato “Coliving - collaborare condividere abitare”.

Visto il successo del progetto pilota (grazie al primo bando a Luserna sono arrivate 4 nuove famiglie con 9 bambini), la Provincia autonoma di Trento ha approvato un secondo accordo con il Comune di Canal San Bovo. Il progetto punta ad invertire le tendenze di spopolamento dei comuni montani trentini e questo bando prevede la messa a disposizione di 5 alloggi di proprietà di Itea spa. e del Comune di Canal San Bovo, con contratto di comodato a titolo gratuito (le spese sono a carico del locatario) per un periodo di 4 anni. In cambio, i partecipanti dovranno impegnarsi nei confronti della comunità contribuendo con attività di volontariato a favore del benessere di tutti e della crescita sociale e culturale del territorio.

Gli obiettivi di Coliving sono: favorire il ripopolamento del territorio del Primiero grazie all’arrivo di nuove famiglie e stimolare la nascita di legami sociali; attuare il progetto utilizzando la forma “dell’abitare condiviso e collaborativo” come uno strumento che favorisce l’aumento del capitale sociale territoriale, la crescita del benessere della comunità, favorendo per le famiglie che si insedieranno l'opportunità di assumere un ruolo attivo all’interno del contesto territoriale.

Il progetto vede coinvolte Provincia autonoma di Trento (nello specifico l'Agenzia per la coesione sociale, la famiglia, la natalità, Servizio politiche della casa, UMST- Unità di missione strategica Innovazione Settori Energia e Telecomunicazioni), Comune di Canal San Bovo, Comunità di Primiero, Itea spa, Fondazione Franco Demarchi, con il supporto del Manager territoriale del Distretto famiglia e del Piano giovani del Primiero. Il bando scadrà il prossimo 31 agosto ed è conultabile a questo link.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il coliving contro lo spopolamento dei comuni montani: a Canale San Bovo alloggi in comodato gratuito

TrentoToday è in caricamento