menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fugatti e Cia alla manifestazione tra i giovani della Coldiretti

Fugatti e Cia alla manifestazione tra i giovani della Coldiretti

Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

Protesta degli allevatori che chiedono una soluzione, non facile, al problema grandi carnivori. Il governatore scende in piazza

Quasi 150 trattori e 15 pullman da tutte le valli del Trentino per chiedere una gestione di lupo ed orso che tenga conto delle esigenze degli allevatori e dei pastori. La manifestazione convocata dalla Coldiretti con lo slogan "io sto con cappuccetto rosso" ha mantenuto la promessa: alla vigilia della protesta erano stati annunciati mille allevatori in piazza.

L'Enpa: "Basta odio, state vicini ai vostri animali"

Luogo della manifestazione: piazza Dante, sotto alle finestre del palazzo della Provincia. Non si capisce bene, però, contro chi sia rivolta la protesta: il "padrone di casa", il governatore Maurizio Fugatti, è infatti sceso in piazza tra i manifestanti. Alcuni allevatori lo hanno accolto con entusiasmo e si sono fatti scattare una foto. In piazza anche il consigliere di maggioranza Claudio Cia e gli assessori Tonina e Zanotelli.

Fugatti sul palco: "Orsi e lupi, ne abbiamo troppi"

"Abbiamo bisogno di manifestazioni come questa, vi ringrazio, il Trentino ha bisogno di voi - ha detto fugatti dal palco -  la convivenza con i grandi carnivori, così come ce la vogliono imporre, con i numeri di orsi e lupi presenti sul territorio, non può più essere tollerata". Il messaggio è chiaro: gli esemplari problematici devono essere rimossi, anche per poter continuare a poter gestire tutti gli altri.

Insomma la protesta non è rivolta alla Provincia, anzi: il "pugno duro" sulla cattura dell'orso M49 piace agli allevatori. Il messaggio sembra più che altro rivolto al Ministero, "reo" di aver ostacolato, almeno dal punto di vista informale, la cattura. Più in generale gli allevatori chiedono di essere ascoltati, rivendicano un ruolo fondamentale di presidio della montagna. Una convivenza con i grandi carnivori sembra possibile solo se prevede, in casi estremi, la "rimozione" del problema.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento