Maltempo, nemmeno un euro delle raccolte fondi è stato speso

La denuncia del Codacons: "Se l'Amministraione pubblica non provvederà a selezionare i progetti dovremo procedere con una denuncia per appropriazione indebita"

Ammontano a circa 2,6 milioni di euro gli aiuti raccolti in tutta Italia in seguito all'ondata di maltempo che colpì il Trentino Alto Adige, il Veneto ed il Friuli venezia GGiulia a fine ottobre. A ddistanza di tre mesi quei soldi sono ancora lì, nemmeno un euro è stato speso per migliorare la situazione delle zone colpite. A dirlo è il Codacons, autorevole associazione a difesa dei consumatori. Dei benefattori, verrebbe da dire, in questo caso.

Numerose le campagne di raccolta fondi al'indomani dell'emergenza, lo ricorderete. Una in particolare lanciata dalla Provincia di Trento dove convogliarono gli aiuti di diversi settori, dalla cooperazione al mondo industriale.

“La pubblica amministrazione –  spiega il Codacons in una nota – non ha provveduto ad individuare nemmeno un progetto da finanziare con i fondi di solidarietà raccolti, e i cittadini colpiti dal maltempo dovranno attendere le calende greche per vedere sfruttati i soldi raccolti dalla protezione civile. Per tale motivo se le somme raccolte non saranno al più presto convertite in progetti concreti sul territorio, saremo costretti a presentare una denuncia in Procura per appropriazione indebita e truffa, trattandosi di fondi pubblici e di soldi della collettività”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nei boschi di Pinè: cacciatore spara agli amici

  • Trento, accoltellato dalla fidanzata: ragazzo soccorso per strada e trasportato in ospedale

  • Le migliori osterie del Trentino secondo Slow Food

  • Camion bloccato dalla neve: arrivano i Vigili del Fuoco con l'autogru

  • Guida Michelin 2020: ecco i ristoranti "stellati" in Trentino

  • Pioggia e neve: allerta meteo della Protezione Civile per le prossime 48 ore

Torna su
TrentoToday è in caricamento