Qualità della vita: vince Milano, Trento quinta

Trento stabile al quinto posto dopo essere stata prima della classe nel 2013, la vera sorpresa è il capoluogo lombardo: primo grazie a ricchezza pro capite e relativi consumi

"Milàn l'è on gran Milàn"

"Milàn l'è on gran Milàn": finalmente i milanesi possono dirlo senza timore di essere smentiti. Il capoluogo lombardo ha conquistato per la prima volta la vetta della classifica stilata dal Sole 24 Ore diventando la città italiana con la più alta qualità della vita. Trento è al quinto posto, come l'anno precedente, dopo anni ai vertici della classifica. 

Per Italia Oggi Trento è seconda, Milano al 55° posto

Una classifica che sembra sovvertire quelle degli scorsi anni, all'insegna del motto "piccolo è bello": la campionessa dello scorso anno, Belluno, è quarta e Bolzano è seconda. Sul terzo gradino del podio Aosta. Milano fu al secondo posto nel 2003 e 2004, e nuovamente nel 2015 e 2016, ed è sempre stata l'unica delle grandi città italiane ad avvicinarsi agli standard di qualità della vita delle città medio-piccole del Nord. Seguono, nella top 10, Bologna, Pordenone, Treviso e Gorizia. 

E' curioso notare che, come evidenziamo da anni, uno degli indicatori nei quali Trento ha sempre sofferto nel settore Cultura, ovvero lo scarso numero di cinema e librerie, sia stato, all'interno dello stesso settore, uno degli indicatori che ha permesso a Milano di vincere. Naturalmente non ci sono solo libri e film: Pil e depositi pro capite, occupazione, prezzo medio di vendita delle case, numero di clienti home banking sono tutti indicatori che vedono la città meneghina ai primi posti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Trento è  invece quarta per ecosistema urbano, seconda per sportività, così come per numero di figli per donna, terza per numero di startup innovative. Tante delle pecche,forse un po'  sorpresa, stano nel settore dei "consumi culturali", ovvero spesa al botteghino, numero di spettacoli, librerie e cinema. Ma a pesare sul risultato finale c'è anche la superficie a rischio idrogeologico. Vedi tutti gli indicatori e la classifica completa, clicca qui...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato morto a 30 ore dalla nascita: dramma all'ospedale di Rovereto

  • Freddo intenso, anche 10° sotto la media: il riscaldamento si può già accendere

  • Galleria di Martignano: testa-coda sull'asfalto bagnato poi si schianta contro il guard rail

  • Coronavirus, un altro studente positivo: classe in quarantena e lezioni online

  • Cervo investito sulla statale: "In quel tratto succede una volta al mese"

  • Giornate Europee del Patrimonio 2020: in Trentino musei aperti e attività al Mart

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento