Attualità

Il rifugio Segantini passa da Bonapace a Caola

Bonapace: "Sono stati anni belli quelli passati al Segantini. Per tutti lavorare è fatica, ma dei tanti lavori che ho fatto questo è quello che più mi è piaciuto"

Chiusure e passaggi di consegne importanti all’ultima riunione annuale dei gestori rifugi Sat.  Allo Spazio Alpino si sono riuniti, in presenza e in collegamento, i 33 rifugisti Sat per il consueto bilancio di fine anno e prospettive 2022. È dunque tempo di nuovi sguardi e nuovi orizzonti.

A portare i saluti insieme alla presidente Sat, Anna Facchini, c'erano anche due volti noti agli uomini della montagna: Ezio Alimonta, presidente uscente dell’Associazione gestori Rifugi ed Egidio Bonapace, gestore decennale del rifugio Segantini. Per entrambi è arrivato un caloroso applauso di saluto e la consegna da parte della presidente di un piccolo abete, simbolo dei boschi e della montagna, per l'impegno e il lavoro svolto.

Egidio Bonapace e Carmela Caola-3

Egidio Bonapace ha quindi augurato buon lavoro a Carmela Caola, giovane e nuova gestrice del Segantini. “Sono stati anni belli quelli passati al Segantini. Per tutti lavorare è fatica, ma dei tanti lavori che ho fatto questo è quello che più mi è piaciuto. Sono un osso duro, un buonista che ha sempre detto anche ciò che non andava. Della montagna si parla sempre un modo enfatico e passionale, ma abbiamo bisogno di investimenti. Siamo in 550 mila, dobbiamo dirci le cose come stanno e guardare anche ai cambiamenti”.

Egidio  Bonapace cambia vita e saluta il rifgufio Segantini

Ezio Alimonta ha salutato i rifugisti con una raccomandazione: “Nei giorni scorsi è stato eletto il nuovo direttivo dell’Associazione Rifugi, nei prossimi giorni verrà eletto il nuovo presidente a cui già auguro buon lavoro. Ci sono diverse questioni che dovranno essere affrontate e l’impegno è che vi siano proposte congiunte tra l’Associazione e la Sat. Le tariffe vanno riviste. Cibi e bevande che arrivano in quota hanno costi di trasporto alti che pesano davvero troppo sui gestori, così come non è ammissibile che per dormire si faccia spendere 7 euro. Vanno bene gli sconti a soci e associati ma servono nuovi ragionamenti, così come deve esserci bilanciamento con i gestori privati dei rifugi”.

Ezio Alimonta e Anna Facchini

Anna Facchini ha rimarcato che da parte di Sat ci sarà un impegno a collaborare. “Serve coordinazione e coordinamento - ha detto la presidente - Noi abbiamo 33 rifugi, l’associazione 144. Insieme possiamo avere più voce anche per dialogare con la presidenza del CAI nazionale, il cui presidente Riccardo Giacomelli è anche un trentino. I gestori sono anche imprenditori e sui nuovi tariffari cercheremo di non avere voci differenti”.

Tra gli ordini del giorno: l'andamento della stagione estiva presentato da Renzo Franceschini, della commissione rifugi; i lavori eseguiti e i nuovi contratti di custodia e gestione su cui si è soffermata la vicepresidente Sat, Iole Manica. “In questo periodo si stanno rivedendo i contratti di custodia e gestione per ottimizzare spese e investimenti - ha detto Manica. - I contratti verranno rivisti con durata quinquennale per permettere anche agli stessi gestori una programmazione puntuale e trasparente del lavoro e degli interventi”. 

Il direttore Claudio Ambrosi ha quindi presentato il nuovo progetto di prenotazione on line per i rifugi, una piattaforma già utilizzata dai club alpini tedeschi, austriaci, sloveni e svizzeri. “Abbiamo invidiato questa piattaforma che non ha natura commerciale perché mette in relazione e collega i rifugi dell’arco alpino e transfrontalieri. È in cinque lingue ha un referente generale a Vienna e uno per ogni paese aderente”. Il passo successivo sarà quindi quello di invitare i gestori a una valutazione di adesione al nuovo sistema.

Quanto agli impegni 2022, così Sandro Magnoni, presidente commissione rifugi Sat: “Dobbiamo essere positivi e propositivi. La stagione 2021 sostanzialmente è andata bene, recuperando parte di quanto perso nel 2020 anno del covid e delle chiusure. Il rapporto con i gestori è buono; i lavori di ristrutturazione programmati nelle varie strutture sono stati portati a termine e presentati. Il 2022 ci attende con altri lavori di riqualificazione e responsabilità soprattutto riguardo il corretto utilizzo delle risorse e in particolare di quelle idriche. L’ottica sarà quella di ridurre sempre di più il consumo di plastica potabilizzando, ove possibile, l’acqua”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il rifugio Segantini passa da Bonapace a Caola
TrentoToday è in caricamento