menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La certificazione verde Covid-19 nella bozza del decreto sulle riaperture dal 26 aprile

Servirà come pass per gli spostamenti tra regioni. Oggi il consiglio dei ministri approverà il testo definitivo. Per ora nel testo non c'è lo stato d'emergenza. Il ritorno della zona gialla

È attesa per oggi, mercoledì 21 aprile, l'approvazione del testo definitivo del nuovo decreto da parte del consiglio dei ministri. «Gli spostamenti in entrata e in uscita dai territori delle Regioni e delle Province autonome collocati in zona arancione o rossa sono consentiti ai soggetti muniti delle certificazioni verdi»: nella bozza del decreto sulle riaperture dal 26 aprile circolata martedì viene così definito il pass per gli spostamenti tra Regioni che consentirà i movimenti dei cittadini. Oggi il Consiglio dei Ministri si riunirà per approvare il provvedimento definitivo, che per ora non contiene la proroga dello stato d'emergenza. 

La certificazione verde Covid-19 nella bozza del decreto 

«Dal 26 aprile 2021 cessano di avere efficacia le disposizioni di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto-legge 1 aprile 2021, n. 44, e sono conseguentemente consentiti gli spostamenti in entrata e in uscita dai territori delle Regioni e delle Province autonome che si collocano nelle zone bianca e gialla«, prevede la bozza del nuovo Dl Covid messa a punto dal governo. Gli spostamenti in fascia rossa e arancione saranno però consentiti «ai soggetti muniti delle certificazioni verdi» e cioè comprovanti l'avvenuta vaccinazione Covid o la negatività a un test molecolare o antigenico rapido. Secondo la bozza del decreto, «dal 1° maggio al 15 giugno 2021, nella zona gialla e, in ambito comunale, nella zona arancione, è consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno», e «nel limite di quattro persone ulteriori rispetto a quelle già conviventi, oltre ai figli minorenni e a persone con disabilità o non autosufficienti conviventi».

All'articolo 10 della bozza del decreto si spiega che le certificazioni verdi Covid-19 sono rilasciate al fine di attestare "una delle seguenti condizioni":

  • avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, al termine del prescritto ciclo;
  • avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell’isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2, disposta in ottemperanza ai criteri stabiliti con le circolari del Ministero della salute;
  • effettuazione di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo al virus SARS-CoV2.

Attenzione alle sanzioni del decreto riaperture, è previsto il carcere per una serie di reati in cui incorre chi manomette o falsifica o abusa delle possibilità consentite dalla certificazione verde. Alle sanzioni è dedicato l'articolo 13. «Salvo che il fatto costituisca reato diverso da quello di cui all'articolo 650 del codice penale, le violazioni delle disposizioni del Capo I, ovvero dei provvedimenti e delle ordinanze adottati in attuazione del presente decreto, sono punite ai sensi dell'articolo 2 del decreto-legge n. 33 del 2020. 2. Se alcuno dei fatti previsti dagli articoli 476, 477, 479, 480, 481, 482, 489, anche se relativi ai documenti informatici di cui all'articolo 491- bis, del codice penale, ha ad oggetto le certificazioni verdi Covid-19 di cui all'articolo 10, comma 2, si applicano le pene stabilite nei detti articoli, aumentate di un terzo. 3. Se la certificazione verdi Covid-19 contraffatta o alterata e' utilizzata per svolgere attivita' o compiere spostamenti vietati ai sensi del presente decreto, si applicano anche le relative sanzioni amministrative previste dall'articolo 4 del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19».

Il ritorno della zona gialla in Italia

Questo nuovo decreto legge, se la bozza dovesse passare, sarà valido fino al 31 luglio, per ora non c'è la proroga dello stato d'emergenza. Torna la zona gialla, mentre «gli spostamenti in entrata e in uscita dai territori delle Regioni e delle Province autonome collocati in zona arancione o rossa sono consentiti ai sog- getti muniti delle certificazioni verdi». Rimane la possibilità di muoversi da queste aree per lavoro, salute e urgenza con autocertificazione. Chi viaggia per turismo dovrà invece avere il pass.

In base alla bozza, dal 26 aprile "nella zona gialla sono consentite le attività dei servizi di ristorazione con consumo al tavolo esclusivamente all’aperto, anche a cena". Dal primo giugno, "nella zona gialla, le attività dei servizi di ristorazione sono consentite anche al chiuso, con consumo al tavolo, dalle 5 alle 18". È consentito anche il ritorno delle attività di sport di contatto come il calcetto. Gli eventi negli stadi ripartono dal primo giugno. 

Dal 26 aprile ripartono «gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, live-club e in altri locali o spazi anche all’aperto sono svolti esclusivamente con posti a sedere pre-assegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza inter- personale di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale». La capienza consentita non può superare il 50% di quella massima. Il coprifuoco per ora resta alle ore 22. E cambia la deroga per fare visita agli amici. Dal primo maggio al 15 giugno 2021, "nella zona gialla e, in ambito comunale, nella zona arancione, è consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, nel rispetto dei limiti orari agli spostamenti e nel limite di quattro persone, oltre ai minorenni". Dal 16 giugno cadono le restrizioni e quindi anche le deroghe, ma non in zona rossa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento