menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Clamorosa sentenza del Tar: Jj4 ancora "ricercata". Fugatti: "Riconosciuta la nostra correttezza"

Botta e risposta tra il governatore trentino ed il ministro dell'Ambiente. Il Tar di Trento ribalta la sentenza di pochi giorni fa

Sì alla cattura ed alla detenzione al Casteller dell'orsa Jj4. Il Tar di Trento, con una sentenza clamorosa presa in sede collegiale, ha ribaltato il pronunciamento monocratico di pochi giorni fa dichiarando non accoglibile la domanda cautelare presentata da alcune associazioni animaliste e dal Ministero dell’ambiente con la quale si chiedeva, sostanzialmente, la sospensione dell’ordinanza emanata dal presidente della Provincia Maurizio Fugatti lo scorso 11 agosto. L'ordinanza, presa in seguito all'aggressione dell'orsa ai danni di due uomini, prevedeva la "captivazione permanente".

"Secondo il Tar - commenta una nota della Provincia - dato l’atteggiamento non schivo, bensì confidente, di assuefazione all’uomo ed aggressivo, già manifestato dall’animale che ha attaccato con contatto fisico due persone in montagna, sussistono i presupposti per l’emissione da parte del presidente della Provincia dell’ordinanza, vista la situazione di pericolo attuale e concreto per la sicurezza e l’incolumità pubblica".

La notizia della vittoria, poi smentita

In un primo momento una delle associazioni animaliste ricorrenti aveva esultato diffondendo la notizia, errata, di una vittoria. Notizia smentita nel giro di un'ora, che aveva però già fatto scattare anche l'esultanza del ministro Costa su Facebook. Lo stesso ministro si è affrettato a correggere il post, spiegando che comunque la sua posizione resta decisamente a favore della liberazione di tutti gli orsi detenuti o "ricercati" in provincia di Trento, visto anche il rapporto dei carabinieri del Cities che hanno giudicato non idoneo il Centro faunistico del Casteller.

“Con questa ordinanza il Tar riconosce la correttezza del nostro operato – commenta il presidente Fugatti – e l’opportunità di agire, in queste situazioni con urgenza a tutela della pubblica incolumità. Dall’inizio della legislatura stiamo cercando di affrontare il tema orsi nel pieno rispetto delle normative e cercando di dialogare con il Ministero dell’ambiente. Il problema è complesso e credo vada affrontato e risolto evitando posizioni “ideologiche”, ed affrettate letture social, pur se istituzionali, ma cercando di confrontarsi apertamente e fattivamente con l’intento di trovare una soluzione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento