Attualità Gardolo / Via Alto Adige

Cartelli solo in tedesco, la Provincia di Bolzano ritira la norma

Il governatore altoatesino Kompatscher annuncia l'abrogazione della legge provinciale, prima che venga dichiarata incostituzionale: "Cercheremo una soluzione con il governo"

foto: montagna.tv

La legge provinciale che ha portato, in Alto Adige, alla toponomastica in sola lingua tedesca sarà abrogata. La notizia è riportata dall'Ansa a margine di una conferenza stampa del governatore altoatesino Arno Kompatscher.

La cancellazione della toponomastica italiana riguardava in massima parte piccole località, passi, cime ed altri punti di riferimento in montagna. circa 130 nomi che sono stati, di fatto, cancellati dalla segnaletica.

Una legge aspramente criticata, da un lato per dai difensori della cultura italiana all'interno del mondo sudtirolese, ma anche dagli alpinisti, che per primi hanno posto l'attenzione sulla pericolosità della segnaletica solamente in tedesco.

Il prossimo 2 aprile è prevista l'udienza della Corte costituzionale davanti alla quale il Governo ha impugnato la legge. "Gli esperti dicono che la legge sarà dichiarata incostituzionale" ha ammesso Kompatscher.

La Giunta altoatesina ha preferito dunque abrogare la legge prima della dichiarazione di incostituzionalità, prevedendo anche nuove norme attraverso "una soluzione concordata con il Governo e con la Commissione dei Sei". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cartelli solo in tedesco, la Provincia di Bolzano ritira la norma

TrentoToday è in caricamento