rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Carcere / Gardolo

Carcere di Trento, entro luglio otto nuovi agenti

L'impegno arriva direttamente dalla ministra della Giustizia Cartabia. Ma per il Sinappe a Spini di Gardolo servirebbero almeno 30 poliziotti in più

Dopo l'incontro di giovedì (21 aprile) a Roma tra il presidente della Provincia di Trento Maurizio Fugatti e la ministra della Giustizia Marta Cartabia, venerdì 22 aprile la delegazione regionale del sindacato nazionale autonomo di polizia penitenziaria (Sinappe) ha incontrato il Presidente della Provincia autonoma di Bolzano Arnold Kompatscher.

L'incontro, che fa seguito a quello di giovedì, resosi necessario dopo i ripetuti episodi di violenza nel carcere di Trento e per la carenza di personale, ha avuto proprio l'obiettivo di discutere degli impegni assunti dalla ministra Cartabia nei confronti delle Province autonome di Trento e Bolzano.

Un mese fa era stato proprio il segretario regionale del Sinappe Andrea Mazzarese a denunciare: "Nel carcere di Spini di Gardolo servono almeno 30 agenti in più". Mazzarese auspicava proprio un intervento della Pat  nei confronti del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (Dap) del ministero della Giustizia. Incontro che è arrivato e dove Cartabia ha promesso che entro luglio arriveranno otto nuovi agenti di polizia penitenziaria nel carcere di Trento e tre in quello di Bolzano. A novembre dovrebbe esserci poi un ulteriore incremento.

Un agente della polizia penitenziaria diventerà diacono

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carcere di Trento, entro luglio otto nuovi agenti

TrentoToday è in caricamento