menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I graffi alla schiena

I graffi alla schiena

Il carabiniere aggredito dall'orso: "Ho avuto paura di morire. Mi sono salvato grazie agli amici"

Il ragazzo sta bene e racconta "il piumino che indossavo ha attutito le unghiate"

Lunghi minuti in cui la paura della morte era fortissima. Questa l'esperienza vissuta di Diego Balasso, il giovane carabiniere aggredito dall'orso (forse M57) ad Andalo sabato sera. Il giovane adesso sta bene ma mentre resta ricoverato ancora al Santa Chiara non dimentica come si sia salvato solo grazie all'intervento di alcuni ragazzi.

L'animale, ha raccontato il giovane - 24 anni, originario di Vicenza ma di stanza in Trentino - è apparso all'improvviso sul sentiero che costeggia il lago di Andalo. L'amica che era con lui sentendo i primi rumori si è allontanata; lui invece è rimasto e si è accorto della presenza del plantigrado a un paio di decine di metri da lui.

L'orso poi gli si è avvicinato, all'inizio limitandosi ad annusarlo. Poi l'ha colpito alla gamba, lui ha indietreggiato e a quel punto l'animale l'ha buttato a terra iniziando a graffiarlo. Il 24enne ha riportato diverse ferite, per fortuna nessuna profonda, a schiena, braccia e gambe. Ad attutire le unghiate è stato il piumino che il militare aveva indosso.

Il carabiniere è stato anche trascinato dal plantigrado e ha provato a difendersi lanciandogli contro smartphone e portafogli, ma ovviamente non è riuscito a fermarlo. Una volta raggiunta una staccionata però si è aggrappato arrivando a divincolarsi. L'animale ha provato ad attaccarlo di nuovo ma l'arrivo di alcuni ragazzi, allertati dall'amica della vittima, l'ha messo in fuga.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Attualità

Due nuovi vaccini anti-Covid in arrivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento