Cani antidroga alla Polizia Locale: lo aveva promesso Merler, Ianeselli avvia l'iter

In ballo c'è un bando del Consiglio del Ministri, che finanzierebbe la formazione del personale. I cani potranno essere utilizzati anche nei posti di blocco

Cani antidroga anche per la Polizia Locale. Era stata una delle promesse del candidato sindaco del centrodestra Andrea Merler, poi sconfitto alle urne, ma l'idea evidentemente è piaciuta all'attuale Giunta. A dire il vero se parla almeno dal 2015: a proporla fu l'allora consigliere Manfred De Eccher, di Fratelli d'Italia. Merler, da consigliere di minoranza, aveva portato avanti l'idea insieme alla collega Bruna Giuliani anche dopo le elezioni: la prima delibera depositata riguardava proprio un progetto per creare un'unità cinofila.

Detto fatto: la Giunta ha deciso di avviare l'iter riguardante una proposta arrivata dal Corpo di Polizia Locale di Trento e Monte Bondone. L'occasione è fornita da un bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri uscito a metà settembre ed in scadenza a metà novembre. Le due vie, dunque, sono distinte: da una parte la mozione presentata pochi giorni fa dalle minoranze, dall'altra il progetto della Polizia Locale presentato oggi in conferenza stampa. Il risultato potrebbe essere lo stesso, se il Comune dovesse vincere il bando. 

Un cane poliziotto per amico: il progetto

In ballo c'è un finanziamento ad hoc che coprirebbe l'acquisto dei cani (si parla di due), dell'addestramento e della formazione del personale. Il progetto si chiamerà "Un cane poliziotto per amico". Ad oggi la Polizia Locale deve appoggiarsi alle forze dell'ordine statali che hanno unità cinofile operative sul territorio. L'utilizzo del cane della Guardia di Finanza si è rivelato findamentale anche nell'ultimo arresto compiuto dal Nucleo antidegrado della Polizia Locale al Parco Michelin.

L'ormai celebre, per le cronache locali, Nabucco si è messo a scavare alla base di una pianta all'interno del parco ritrovando un pacchetto di hashish da circa un etto permettendo di arrestare un cittadino gambiano di 23 anni, trovato con 155 euro in contanti ed una modica parte della stessa sostanza in tasca.

Cani antidroga anche ai posti di blocco

I cani antidroga, si legge in una nota del Comune, potranno essere utilizzati anche ai posti di blocco della Polizia Locale per "afforzamento delle iniziative di prevenzione e contrasto all’incidentalità stradale alcol e droga correlate mediante l’impiego di unità cinofile antidroga nei posti di controllo di polizia stradale, al fine di intercettare i soggetti che alla guida di veicoli detengono o hanno detenuto sostanze stupefacenti".

"L'olfatto del cane - prosegue la nota - può essere uno degli elementi utili a motivare ulteriori accertamenti  sulle cose o sulle persone che in quel momento sono soggette al controllo dei documenti di circolazione. Ciò consentirebbe di sottoporre i conducenti dei veicoli agli accertamenti qualitativi non invasivi e alle prove attraverso apparecchi portatili omologati e, nel caso di esito positivo, agli accertamenti clinico-tossicologici".

Questo oltre la normale attività di controllo dei parchi e delle vie della città dove si segnalano attività di spaccio, ma ance a scuola. "Le unità cinofile saranno inoltre impiegate per svolgere attività formativa dei giovani nelle scuole al fine di sensibilizzarli sui rischi conseguenti all’assunzione di sostanze psicotrope, stupefacenti e di bevande alcoliche" conclude la nota. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

Torna su
TrentoToday è in caricamento