Bonus spesa, il Comune: "Nei prossimi giorni sarete contattati telefonicamente"

Importante farsi trovare pronti, senza il colloquio telefonico la pratica non può essere conclusa

Boom di richieste per i buoni spesa erogati dalla Provincia per l'emergenza coronavirus, in gran parte a Trento. Il Comune ricorda che per concludere la pratica è necessario rispondere al telefono agli operatori che stanno contattando i richiedenti che hanno effettivamente diritto al bonus. Senza colloquio è impossibile ricevere il sussidio quidi è molto importante farsi trovare pronti.

Ecco la nota del Comune di Trento

Il servizio Attività sociali sta contattando telefonicamente le persone che hanno presentato la domanda per il bonus alimentare, in particolare quelle che hanno dichiarato di aver percepito entrate e di avere il saldo dei depositi bancari o postali dei componenti il nucleo familiare inferiore ad tremila euro.

Coronavirus in Trentino: tutte le informazioni

Per accelerare i tempi di valutazione delle domande, il lavoro dei servizi sociali proseguirà probabilmente anche nella giornata di sabato 11 aprile, per riprendere dopo la pausa pasquale. Il contatto telefonico è necessario per poter effettuare la valutazione della situazione
di bisogno.

Chi ha presentato domanda è quindi invitato a rispondere alla chiamata, perchè il colloquio non può essere effettuato in altro modo e senza il contatto telefonico non è possibile dare corso alla domanda. La telefonata potrebbe arrivare da un numero sconosciuto o riservato, dal momento che i dipedenti dei servizi sociali lavorano da remoto utilizzando anche telefoni personali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

Torna su
TrentoToday è in caricamento